Tra polemiche e buon tennis, l’Adria Tour

0
Nell’ultimo fine settimana (13-14 giugno) si è giocato a Belgrado il primo torneo di esibizione in vista della ripresa del tennis vero e proprio, tra polemiche e buon tennis, l’Adria Tour. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo sugli spalti e in campo.

Il ritorno in campo

Il match di apertura è stato un doppio misto, in onore della Serbia, paese ospitante, che ha visto in campo da un lato Novak Djokovic e Jelena Jankovic e dall’altro Nenad Zimonjic in coppia con Olga Danilovic. Abbracci e foto di rito hanno caratterizzato il primo (e purtroppo non unico) incontro, mentre dagli spalti la folla incitava i propri idoli, sempre in barba alle regole mondiali di distanziamento sociale.

Il torneo, altro che UTS e risposte ai fan sui social

Prima di entrare nel dettaglio del torneo è bene ricordare le regole (ispirate alle Next Gen ATP Finals) ed i partecipanti. Al contrario dell’UTS di Patrick Mouratoglu, gli incontri si sono svolti al meglio delle tre partite, la novità sta però nel numero di giochi da vincere per portarsi a casa una partita (4) e la mancanza dei vantaggi (sul 40-40 si gioca un punto decisivo). I giocatori sono divisi in due gruppi e i vincitori di ogni gruppo si sfidano nella finale che decide il vincitore del torneo. Tra i partecipanti spiccano giocatori di assoluto livello, oltre al già citato n.1 del mondo. Ai blocchi di partenza si sono presentati: Alexander Zverev, Grigor Dimitrov, Dusan Lajovic, Dominic Thiem, Damir Dzumhur (sostituito da Nikola Milojevic per un infortunio occorso alla prima partita), Victor Troicki e Filip Krajinovic.

È già buon tennis

Malgrado non si possa parlare di match di altissimo livello (la forma migliore è ancora lontana), i tanti tifosi accorsi sugli spalti non si sono potuti di certo lamentare. Nei due “gironcini” hanno ottenuto il primo posto Dominic Thiem e Filip Krajinovic, che hanno dato via ad una bella finale, vinta dall’austriaco per 4-3 (7) 2-4 4-2.

In Serbia il virus non fa più paura?

Oltre al commento sportivo c’è da fare un commento sulla situazione generale. La terza tappa dell’Adria Tour (il torneo è itinerante e toccherà quasi tutti gli stati balcanici), quella che si doveva tenere in Montenegro, è stata cancellata. Motivo? La Serbia non è tra i paesi che possono varcare i confini nazionali in questo momento. Un altro appunto deve necessariamente essere fatto sulla sicurezza e il mantenimento delle distanze sociali. Abbiamo visto abbracci, foto, tifosi accalcati sugli spalti (non è bastato il derby di Belgrado davanti a 20000 persone per sensibilizzare le persone sulla questione) e addirittura un bambino sceso dagli spalti che impugnava la racchetta usata da Troicki per fare alcuni scambi con Djokovic. Possiamo dire che tutto questo è troppo. In Serbia si sta ragionando come se il virus non esistesse, ma la cosa più grave è che tutto è stato organizzato da Novak Djokovic, grande oppositore alla riapertura del tour mondiale “finché non ci sarà una completa sicurezza per giocare l’evento”. La domanda sorge spontanea: caro Novak, in Serbia il virus non ti fa paura?

Il consiglio del giorno

Ninebot by Segway, Monopattino elettrico (CLICCA SULL’IMMAGINE qui sotto per acquistare subito!)


Le 10 migliori racchette da tennis nel 2020. Per tutti i livelli e le età
Share.

Leave A Reply