Wimbledon, la sfida di Berrettini alla ricerca del quarto turno: tutto ciò che c’è da sapere

0

Ci siamo! È il momento di Berrettini vs Bedene, match valido per i sedicesimi di finale di Wimbledon 2021. L’attesissimo incontro è programmato per le 12 (ora italiana) e si preannuncia veramente scoppiettante. Andiamo ad analizzare la sfida.

BERRETTINI, COSTANTE CRESCITA NEL 2021: IN ARRIVO IL SALTO DI QUALITÀ DECISIVO?

In questo 2021, Matteo Berrettini ha dimostrato una grande crescita, soprattutto negli ultimi tornei sull’erba. Il tennista romano, settima testa di serie a Wimbledon, è entrato nel novero dei favoritissimi per la vittoria finale in seguito alle recenti vittorie su Pella e Van de Zandschulp. Si può tranquillamente dire che, dopo Djokovic, l’azzurro è il candidato principale ad alzare al cielo la coppa della celebre competizione londinese.

LA PRIMA SETTIMANA DI BERRETTINI A WIMBLEDON

Tuttavia, la prima settimana di Matteo sul prato verde dell’All England Tennis Club non è stata finora tutta rosa e fiori. Già, perché nel primo turno contro Guido Pella, nonostante sia riuscito a portare a casa il match, Berrettini ha perso il secondo set per via di troppi errori ‘gratuiti’. Inoltre, il quasi venticinquenne italiano, ai trentaduesimi, si è visto dare del filo da torcere da Botic Van de Zandschulp, olandese numero 139 del ranking mondiale.

Adesso, la punta di diamante dell’Italtennis affronterà Aljaz Bedene (e non Isner come inizialmente si poteva pensare). Lo sloveno, però, non è un miracolato. Anzi, superando brillantemente i primi due turni è diventato uno dei pochi giocatori che hanno raggiunto i sedicesimi della prestigiosa manifestazione britannica senza cedere alcun set.

ALJAZ BEDENE, L’ERBA NON GLI HA MAI SORRISO MA…

L’erba non è mai stata la superficie ideale per Bedene. Questi ha vinto solo il 36,7% delle sue partite sul verde, contro il 51,7% sulla terra battuta e il 46,2% sul cemento. Ciononostante, dopo aver estromesso Moutet al primo turno, il trentunenne ha battuto anche Yoshihito Nishioka, l’uomo che aveva eliminato proprio il grande John Isner. Lo sloveno è la mina vagante del tabellone?

Solo il campo potrà dirlo. Intanto andiamo ad analizzare il computo degli scontri diretti.

I PRECEDENTI: GUIDA BERRETTINI CON DUE SUCCESSI

Berrettini e Bedene si sono incrociati tre volte in precedenza. Matteo è in vantaggio nei testa a testa per 2-1 complessivamente, ed 1-0 sull’erba.

L’ultimo faccia a faccia tra i due risale proprio al loro unico incontro sull’erba. Si giocava il primo turno di Wimbledon 2019 e Berrettini, pur perdendo il set d’apertura, riuscì a vincere i successivi tre parziali andando avanti nel torneo.

LA PREVISIONE: BERRETTINI, OTTAVI AD UN PASSO CON UN TENNIS REGOLARE

L’azzurro, per il momento, non ha dominato nettamente i suoi avversari ma ha dovuto essere paziente e aspettare che la sua qualità emergesse. Se da un lato tale andazzo può trasferire poca fiducia nello spettatore, dall’altro bisogna sottolineare che contro giocatori come Bedene servirà proprio questo tipo di prestazione. Berrettini, infatti, dovrà semplicemente gestire i momenti della gara. Poi, alla lunga, probabilmente i suoi valori verranno fuori.

Dove vedere Wimbledon 2021 in tv e streaming

Sky avrà l’esclusiva su Wimbledon fino all’anno 2022. In accordo con Sky, Super tennis trasmetterà una partita per ogni giorno del torneo. Sarà, inoltre, possibile vedere i match in streaming sulla piattaforma di Sky go.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply