Infuria la polemica per le parole di Gaudenzi sui Challenger. Pospisil è pesantissimo

0

Non sono piaciute per niente a Vasek Pospisil le parole di Andrea Gaudenzi sul circuito Challenger, che il presidente dell’Atp ha definito “una specie di università” per i giocatori che si vogliono affacciare sul circuito. Il canadese numero 133 del mondo non le ha mandate a dire a Gaudenzi, dandogli apertamente dell’ignorante.

Le parole di Andrea Gaudenzi sul circuito Challenger

Facciamo un passo indietro. Cosa ha detto l’ex tennista azzurro sul circuito Challenger? Ecco le sue parole: “Sul Challenger Tour devi essere in grado di raggiungere il pareggio tra costi e guadagni. Ma devi essere conscio del fatto che è solo una specie di università. Devi considerarlo come un investimento per la tua carriera. Quindi devi crescere e approdare sul tour Pro, dove avrai un vero lavoro e guadagni”.

Insomma, quasi riprendendo ciò che ha affermato pochi giorni fa Gianluigi Quinzi (“con i Challenger non vivi”, ha detto il nativo di Porto San Giorgi, spiegando il suo precoce ritiro), Gaudenzi ha detto a chiare lettere che “per vivere” (parafrasando Quinzi) devi essere un giocatore di altissimo livello.

Non credo che sia possibile avere una sostenibilità economica a quel livello semplicemente perché manca l’interesse dei fans e quindi gli investimenti di sponsor, broadcasters e incassi dai biglietti”.

La reazione furibonda di Vasek Pospisil (e non solo)

Il 31enne canadese, ideatore e animatore insieme a Novak Djokovic dell’iniziativa PTPA, l’associazione di giocatori professionisti nata in aperto contrasto con l’ATP, non le ha mandate a dire a Gaudenzi, descrivendo le sue parole “incredibilmente ignoranti“, chiamando l’italiano “il cosiddetto leader dell’ATP e dello sport del tennis”.

Secondo il canadese è assurdo pensare che “un’industria multi-miliardaria possa garantire solo a 100 giocatori di vivere” grazie ai propri guadagni sportivi. Questo, chiude Pospisil, “succede quando si monopolizza completamente lo sport”.

Fra le reazioni più sentite in particolare vi è stata quella di Tennys Sandgren il quale, senza tanti fronzoli ha detto: “Che abbia ragione o torto, queste affermazioni per il brand ATP Challenger sono pessime. Dovrebbe essere licenziato all’istante”.

Di parere molto simile è parso anche l’ex giocatore australiano Paul McNamee: “Il commento di Gaudenzi sul Challenger Tour è una mancanza di rispetto visto tutti quei giocatori che con grande qualità si impegnano senza altra via d’uscita. Forse le sue parole sono motivate dal fatto che è così concentrato nell’allungare a due settimane la durata dei Masters 1000 che ridurrà ulteriormente il numero di tornei sul circuito”.

Una battaglia lunga, che rischia di logorare il circuito

Non è la prima volta che Vasek Pospisil e la PTPA si scagliano contro l’ATP e contro Andrea Gaudenzi in particolare. Qui sotto è spiegato, con un tweet, il senso della battaglia di Pospisil, Djokovic e soci.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

Leave A Reply