Le infiltrazioni di Nadal come doping? Pat McEnroe dà la sua versione

0

L’ex numero 3 del mondo in doppio e campione slam, Patrick McEnroe, ha voluto spegnere la polemica intorno al presunto uso di sostanze dopanti da parte di Rafael Nadal. Dopo che lo spagnolo ha ammesso di aver fatto punture per ridurre il dolore al piede, sono piovute molte accuse da fan e addetti ai lavori.

La risposta di Mc junior

Rafael Nadal ha vinto il quattordicesimo Roland Garros (ventiduesimo slam della carriera) nonostante la sindrome di Mueller-Weiss. Lo spagnolo, infatti, ha rivelato di aver giocato sotto infiltrazioni per addormentare il nervo del piede e giocare senza dolore. Dopo queste dichiarazioni, sono iniziate a circolare voci insistenti su un presunto uso di doping da parte di Rafa.

A spegnere parzialmente le polemiche ci ha pensato l’ex numero 3 del mondo in doppio e campione slam (oltre ad essere il fratello minore di John), Patrick McEnroe.

Bene, Nadal ha vinto. Non so come abbia potuto fare, ha detto di aver subito alcune infiltrazioni di antidolorifici per riuscire a sopportare il dolore. Non sono un dottore e non so esattamente di cosa si tratta. Le persone, si sa, hanno sempre teorie cospirazioniste e adesso sono arrivati pure nel mondo del tennis. Una di queste dice che Nadal è dopato, che sta utilizzando un certo tipo di sostanze illegali.

Beh, viene testato ogni volta che prende parte a uno slam e qualsiasi cosa si inietta nella caviglia penso proprio che sia un semplice antidolorifico. Ancora, non sono un dottore e non so cosa si inietta con sicurezza. Se fossero cose illegali, però, sono sicuro che sarebbe stato preso immediatamente”.

Share.

Leave A Reply