spot_img
spot_img

Us Open / Day 5 – Cinque flash da New York
U

Stanotte si chiude il terzo turno, da domani si entra nella fase finale degli Us Open e sarà tempo di un primo bilancio. Intanto, ieri è stata la giornata di Rafa, Kevin Andreson, Milos Raonic e Serena Williams. Non ce ne vogliano il buon Del Potro (che ha battuto Verdasco in un match tutt’altro che scontato) e Borna Coric che ha vinto molto bene il derby dei ’96 con il russo Medvedev.

Flash #1 (di copertina) – La legge di Rafa

Nadal non gioca bene (lo dirà lui stesso a fine partita), è nervoso, sbaglia tanto e subisce il tennis di Khachanov, 22enne russo dall’ottimo presente e dal futuro ancora più roseo. Rafa perde il primo set, rischia anche nel secondo, vince il terzo e il quarto al tie-break. Un match della durata di ben 4 ore e 25 minuti, più della partita conclusa in 5 set tra Anderson e Shapovalov. Soffre tantissimo, insomma, il numero 1. Ma alla fine vince. Ecco perché “la legge di Rafa”. Perché gioca da numero 1 i momenti che contano, e questo fa tutta la differenza del mondo.

Flash #2 – Anderson-Shapo show

Che partita quella tra il sudafricano e il canadese. Iniziata un po’ in sordina, è stata un vero crescendo e i due set finali sono stati davvero splendidi. A 32 anni, Anderson sta giocando il tennis migliore di sempre, costruito sul suo impressionante servizio (potente e preciso, neanche un doppio fallo in 5 set, pazzesco!), ma arricchito da una sicurezza inedita nello scambio e da un’importantissima solidità in risposta. A 19 anni, Shapovalov, gioca un match da veterano, senza mai perdere la testa, lottando come un leone e facendo vedere sprazzi di classe cristallina. Davvero un bel vedere.

Flash #3 – Essenziale Raonic, ma Stan c’è

Era il derby tra due ex numeri 3 del mondo che stanno tornando nel giro che conta dopo una lunga serie di guai fisici. Milos è più avanti in questo percorso e alla fine lo si è visto. Niente di trascendentale, il suo solito servizio disumano e un ottimo approccio difensivo, soprattutto con lo slice di rovescio. Wawrinka, che ha tenuto in mano il pallino del gioco, paga la mancanza di lucidità nei momenti chiave, come nel tie-break del primo set, quando si è ritrovato avanti di 3 lunghezze e non è riuscito a concretizzare.

Flash #4 – Serena strapazza Venus

Era il trentesimo incontro tra le due sorelle che hanno cambiato la storia del tennis femminile. Serena porta il bilancio a 18-12 in suo favore con una partita in cui il risultato non è mai stato in discussione (6-1, 6-2 in un’ora e tredici minuti) e che, dal punto di vista sportivo, la più giovane (e vincente) delle Williams è pronta a riprendersi il trono dopo la maternità. Impressionante, come sempre.

Flash #5 – Da non perdere oggi

In campo maschile:

Kyrgios-Federer (ore 19,30), Schwartzmann-Nishikori (ore 23), Djokovic-Gasquet (ore 02,30)

In campo femminile:

Difficile da scegliere, tutte partite davvero di alto livello. Nonostante l’eliminazione della Halep al primo turno, è il miglior Us Open femminile degli ultimi anni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img