Guida al Masters 1000 di Madrid: tutto ciò che c’è da sapere

0

Il ritorno sulla terra rossa dopo due anni di assenza da parte di Roger Federer, le prospettive del super favorito Rafa Nadal, ancora alla ricerca della condizione migliore dopo un inizio 2019 senza successi, le possibilità per Novak Djokovic di fugare ogni dubbio sulla superiorità mostrata nella seconda parte del 2018. Sono questi, senza dubbio, i principali motivi di interesse del Masters 1000 di Madrid, il secondo della stagione sulla terra battuta, dopo quello di Monte Carlo che ha visto il grande successo del nostro Fabio Fognini.

Accanto ai tre mostri sacri, gli occhi sono puntati soprattutto su Alexander Zverev, alla disperata ricerca di se stesso, su un Dominc Thiem che sembra finalmente poter essere dominante, dopo i successi di Indian Wells e Barcellona, su Stefanos Tsitsipas, che ad Estoril ha vinto il suo primo torneo sulla terra e, ovviamente su Fognini, che dopo il trionfo monegasco ha riposato per due settimane per cercare di assorbire i fastidi fisici alla caviglia e alla coscia. Gli altri italiani in gara sono Marco Cecchinato (numero 19 del mondo e testa di serie numero 16) e l’intramontabile Andreas Seppi.

Quando e dove si gioca

L’appuntamento con Mutua Madrid Open (questo il nome “commerciale” del torneo) è dal 3 al 12 maggio, ma entra nel vivo lunedì 6 maggio dopo le prime giornate di qualificazione. Il torneo si gioca dal 2002 alla Caja Magica di Madrid e nel 2009, con la riforma dei calendari, ha preso il posto del Master di Amburgo ed è stato anticipato a maggio, diventando un evento “combinato” (maschile e femminile).

L’albo d’oro del torneo maschile

Tutti e tre i big three hanno vinto almeno una volta il torneo di Madrid. Cinque volte Nadal, tre volte Federer, due volte Djokovic. Ci sono poi due successi di Andy Murray e, lo scorso anno, quello di Sascha Zverev. Oltre al loro, una vittoria a testa per Andre Agassi (la prima edizione), Juan Carlos Ferrero, Marat Safin e David Nalbandian.

Il tabellone maschile: le previsioni

Nella parte alta del tabellone, il primo quarto di finale (seguendo il seeding) potrebbe essere quello tra Novak Djokovic e Juan Martin Del Potro. Un percorso tutt’altro che scontato, soprattutto per l’argentino, al rientro dopo un lungo stop, sulla cui strada potrebbe pararsi Marin Cilic. Se passasse indenne i primi due turni, invece, agli ottavi il rivale del numero 1 del mondo potrebbe essere Marco Cecchinato (che l’anno scorso ha battuto il serbo a Parigi).

Il secondo quarto di finale, sempre sulla carta, sarebbe quello tra Roger Federer e Dominic Thiem. Per lo svizzero il percorso sembra leggermente più in discesa, mentre l’austriaco potrebbe trovarsi davanti Fabio Fognini (impegnato in un primo turno tutt’altro che semplice contro Kyle Edmund) agli ottavi di finale.

Il terzo quarto di finale – sempre in base a una previsione puramente statistica – vedrebbe contrapposti Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev. Qui le incognite sono ancora più elevate. Il greco è in crescita, anche sulla terra, ma è ancora incline a passaggi a vuoto preoccupanti. Per il tedesco, va fatto un discorso a parte: la vittoria delle Atp Finals del 2018 sembrava averlo finalmente sbloccato, soprattutto dal punto di vista psicologico, ma l’inizio del 2019 è stato tragico, soprattutto sulla terra, almeno finora. In questa parte di tabellone possono inserirsi il russo Karen Khachanov e il croato Borna Coric.

Infine, nella parte bassa del tabellone, dovrebbe farla da padrone Rafa Nadal, il cui quarto di finale potrebbe essere contro il giapponese Kei Nishikori. Le mine vaganti: Stan Wawrinka, Danill Medvedev e Nikoloz Basilashvili.

>>> Qui il tabellone completo <<<

Come seguire il Mutua Madrid Open

Il torneo maschile sarà trasmesso in diretta esclusiva su Sky Sport (Sky Sport 1 e Sky Sport Arena) e in streaming tramite l’App Sky Go. Sarà invece possibile seguire il torneo femminile su Super Tennis (canale 64 del digitale terrestre e www.supertennis.it).

 

Share.

Leave A Reply