Next Gen Atp Finals, tutta la grinta di Sinner: batte Kecmanovic ed è finale

0

Arriva un grande risultato per il talentissimo di San Candido Jannik Sinner: l’approdo in finale nelle Atp Next Gen Finals. In quattro set è riuscito a buttare fuori dal torneo il talento serbo Miomir Kecmanovic rimontando il primo set e terminando con un secco 2-4 4-1 4-2 4-2 in un’ora e un quarto. Dimostrando ancora una volta di non voler per nulla fermare la sua costante crescita.

È sembrato un veterano il giovane altoatesino, per personalità e per le scelte tattiche. Ha fatto tutto nella maniera giusta, con grande maestria. E ancora una volta ha messo in evidenza una sua grande caratteristica: non tremare nei momenti di difficoltà, portandoli sempre a casa. Le classiche doti del campione.

Nel complesso è stato più forte del suo avversario e domani dovrà vedersela l’australiano Alex De Minaur, che nel pomeriggio si è imposto per 4-2 4-1 0-4 4-2 sullo statunitense Frances Tiafoe. 

Stasera è stato bravo a rimanere sempre calmo senza farsi condizionare dalle accelerazioni del serbo. Sinner ha perso il primo set, dove Kecmanovic è stato più solido. Ma ha praticamente dominato gli altri tre mini-set. Nel terzo parziale ha commesso qualche errore in più sul dritto, ma è riuscito comunque a portarlo a casa con un 4.2. Significativo l’approccio nel terzo game, quando sotto 0-40 sul proprio turno di servizio, è riuscito a rimontare con grinta e personalità, da grande campione, aggiudicandoselo.

Il quarto set di nuovo dominato, che avrebbe potuto chiudere sul 3-1, avendo avuto a disposizione tre match point. Ha dovuto aspettare il game successivo, con il servizio a disposizione: 4-2, ed è finale.

L’azzurro, dopo aver vinto il Gruppo B grazie ai successi su Tiafoe e Ymer, diventa con i suoi 18 anni e tre mesi il più giovane giocatore nella storia del torneo ad aver raggiunto l’ultimo atto (anche se siamo giusto alla terza edizone). “Questo pubblico è meraviglioso, siete fantastici”, dice a fine match, prima di rivolgersi al suo allenatore, Riccardo Piatti, che oggi ha compiuto 61 anni. “Ho provato a fargli un regalo oggi, e ci sono riuscito”, ha detto. Ora De Minaur: “Lui arriva da una grande stagione (ha vinto 3 titoli Atp nel 2019, ndr), perciò non sarà semplice. Cercherò comunque di fare del mio meglio”.

Le statistiche

Share.

Leave A Reply