domenica, settembre 27

Jannik Sinner pronto a volare, ecco i suoi primi impegni del 2020

0

Il 2019 di Jannik Sinner è stata una stagione da sogno. Partito dalla posizione numero 549 del ranking Atp, ha chiuso l’anno in posizione 78, con anche la ciliegina sulla torta del trionfo alle Next Gen Atp Finals di Milano.

Lo show di Jannik Sinner a “Che tempo che fa”

Una serie di successi che hanno contribuito a fare del 18enne altoatesino già un personaggio molto attrattivo dal punto di vista mediatico. Le sue interviste ormai si sprecano e domenica 24 novembre è arrivata la partecipazione alla trasmissione “Che tempo che fa”, di Fabio Fazio, che lo ha fatto arrivare direttamente nelle case di milioni di italiani, dove ha mostrato una grande padronanza della situazione, a dispetto della giovanissima età e della mancanza di esperienza nella gestione di situazioni così importanti. (Guarda il video della trasmissione).

Jannik Sinner, il calendario di gennaio-febbraio 2020

Ma il nativo di San Candido è entrato già da qualche mese nelle case di migliaia di appassionati di tennis, italiani e non, per la sua sbalorditiva crescita e per le prospettive da top player che molti si aspettano per lui. E’ per questo che nel 2020 vuole partire fortissimo. Anche se lui nega – come per esempio ha fatto da Fazio – l’obiettivo di stagione è l‘ingresso in top-50. Non sarà semplice, ma ci proverà.

Il piano pensato dall’entourage di Sinner prevede innanzi tutto di provare a giocare solo tornei Atp (niente Challenger, dopo i tre vinti quest’anno, almeno per il momento). Si parte il 6 gennaio con il torneo di Doha, poi subito Australian Open. Si tratta del secondo Major a cui prende parte Jannik, dopo gli Us Open 2019. Melbourne, però, entrerà direttamente in tabellone, mentre a New York è dovuto passare dalle qualificazioni.

Dopo l’Australia, previsto il rientro in Europa per giocare il torneo di Montpellier in Francia, quello di Rotterdam in Olanda e di nuovo in Francia, a Marsiglia. Si tratta di tre tornei di febbraio, che si giocano sul veloce indoor, una superficie su cui Sinner ha dimostrato di andare alla grande. Insomma, un menu già ben confezionato che ci dirà già qualcosa sulle ambizioni del “ragazzo” per la prossima stagione.

Share.

Leave A Reply