I 10 tennisti sudamericani più forti di tutti i tempi

0

Diciamolo subito. Il Sud America non ha sfornato tennisti capaci di diventare campioni con la stessa frequenza e la stessa regolarità di altri sport (il calcio su tutti). Ma quelli che sono riusciti ad emergere e a dominare rimangono impressi nella mente e nel cuore di milioni di appassionati in tutto il mondo.

Pur non avendo raggiunto record e successi dei loro colleghi europei o nordamericani, i tennisti sudamericani sono stati capaci di far innamorare diverse generazioni di tifosi, a cui hanno trasmesso tanto sia dal punto di vista sportivo che dal punto di vista umano.

Abbiamo provato a stilare una top-10 che rispettasse i successi e le caratteristiche di ognuno.

#1 Guillermo Vilas

E’ il tennista sudamericano che ha vinto di più. E considerato che si è mosso in piena “era Borg” le sue imprese sono ancora più importanti. Nonostante sia sempre stato considerato un giocatore prettamente da terra rossa, è stato in grado di vincere due Australian Open, un Roland Garros e uno US Open. A Wimbledon ha ottenuto due quarti di finale. Ha vinto 62 tornei in carriera ed ha un record di 53 successi consecutivi sul rosso. In coppa Davis è nei top-15 per numero di vittorie riportate in soli match di singolare. Non è mai stato numero uno del mondo, ma la questione è aperta ed oggetto di (circostanziate) polemiche.

#2 Gustavo Kuerten

Chi è stato numero uno del mondo è il brasiliano Gustavo Kuerten, capace di vincere nel 1997 il suo primo Roland Garros (partendo fuori dal seeding delle teste di serie) e di ripetersi nel 2000 e nel 2001. Anche lui è sempre stato considerato un “terraiolo” (e forse lo è stato più di Vilas) però tra i suoi successi c’è anche un trionfo alla Master Cup del 2000, quando riuscì a vincere al cospetto di avversari del livello di Pete Sampras e Andre Agassi. Peccato che gli annosi disturbi all’anca lo abbiano costretto ad un lento declino e al ritiro nel 2008.

#3 Juan Martin Del Potro

A proposito di carriere condizionate dai problemi fisici, niente è paragonabile al calvario vissuto da Juan Martin Del Potro. Considerato, grazie al suo terrificante servizio e al suo dritto devastante, il tennista sudamericano più forte di sempre sulle superfici veloci, “Palito” ha avuto una crescita rapidissima e vertiginosa, culminata con la vittoria agli US Open nel 2009 (a soli 21 anni) in un’epica finale contro Roger Federer. Capace di vincere una medaglia d’argento e una di bronzo alle Olimpiadi e di centrare la vittoria in Coppa Davis nel 2016, Delpo è stato numero 3 del mondo. Falcidiato dagli infortuni, ha gettato la spugna nel 2022.

#4 Alex Olmedo

Alejandro Rodriguez Olmedo è un tennista peruviano naturalizzato statunitense, nato in Perù nel 1936 e scomparso nel 2020. E’ stato il miglior tennista sudamericano dell’era pre-Open. Campione universitario NCAA nel 56 e nel 58, dominò i major del 59, diventando n°1 mondiale dell’epoca. Quell’anno infatti si aggiudicò gli Open di Australia, Wimbledon (demolendo Laver in finale) e fu finalista agli Us Open (aggiudicandosi anche il titolo in doppio).

#5 Marcelo Rios

Il primo tennista sudamericano a diventare numero uno del mondo nell’era Atp è stato il cileno Marcelo Rios, “el Chino”, nato a Santiago nel 1975. E’ considerato uno dei giocatori più forti di sempre a non aver vinto uno Slam. A dispetto del conclamato talento, infatti, i limiti di tenuta mentale e il carattere particolarmente bizzoso ne hanno frenato la carriera. Si ritirò nel 2004 a causa di un grave infortunio al ginocchio.

#6 David Nalbandian

Argentino, è stato capace di raggiungere la terza piazza delle classifiche mondiali e di figurare tra i protagonisti a livello Slam: grazie al suo tennis semplice ed estremamente efficace è riuscito infatti a raggiungere almeno le semifinali in tutti gli Slam (finalista a Wimbledon nel 2002) e di vincere una Masters Cup nel 2005.

#7 Andres Gomez

Il più grande tennista della storia dell’Ecuador è stato un grande singolarista (best ranking numero 4, 21 tornei portati a casa tra gli anni ’80 e ’90) e un grandissimo doppista (è stato numero uno del mondo ed ha vinto 33 tornei, tra cui uno US Open e un Roland Garros). Nel 1990 ha centrato la doppietta sulla terra Roma-Parigi, battendo in finale un giovanissimo Andre Agassi.

#8 Guillermo Coria

Classe 82, soprannominato “El Mago” per il suo enorme talento, non è stato supportato da un grande fisico e la sua carriera ne ha risentito. Ha vinto 9 titoli Atp, grande interprete della terra rossa, perdendo però nel 2004 la sua grande occasione di vincere uno Slam, quando fu rimontato e battuto dal connazionale Gaston Gaudio. Epica la finale a Roma in cinque set persa contro un giovanissimo Rafael Nadal.

#9 Gaston Gaudio

Classe 78, rovescio a una mano fatato, entra in classifica soprattutto per la clamorosa vittoria al Roland Garros 2004, l’ultimo dell’era pre-Nadal. Ha vinto 8 titoli Atp in carriera, tutti rigorosamente su terra rossa.

#10 Nicolas Massù

Non è stato né il migliore, né il più talentuoso. Terraiolo, numero 9 del mondo come best ranking, sei titoli Atp in singolare e uno in doppio. L’allenatore di Dominic Thiem merita però una menzione in classifica per essere riuscito in un’impresa unica: vincere l’oro alle Olimpiadi di Atene nel 2004, sia in singolare che in doppio. In molti si chiedono, ancora oggi, come ci sia riuscito…

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

Leave A Reply