Le cinque analogie che fanno di Carlos Alcaraz il vero erede di Rafael Nadal

0

Dopo un 2021 in costante ascesa, Carlos Alcaraz ha trovato la sua definitiva consacrazione nel 2022, attestandosi nell’olimpo del tennis mondiale. Il murciano, a 19 anni, ha già messo in bacheca cinque titoli Atp – di cui due Masters 1000 e due 500 – più il trofeo delle Next Gen Atp Finals.

Tali risultati hanno fatto scattare i paragoni più disparati con i mostri sacri di questo sport. Il confronto più suggestivo è sicuramente quello con Rafael Nadal, suo connazionale che non ha bisogno di particolari presentazioni. Oltre alla provenienza, ci sono cinque precisi indizi che sembrerebbero investire Carlitos come erede del maiorchino 22 volte campione slam.

1. Alcaraz è il giocatore più giovane che ha rappresentato la Spagna in Coppa Davis dai tempi di Nadal

Rafael Nadal ha debuttato con la Spagna in Coppa Davis nel 2004, all’età di 17 anni e 248 giorni. Alcaraz, invece, ha esordito nel torneo a squadre quest’anno, all’età di 18 anni e 303 giorni, diventando così il più giovane a giocare per la Spagna dai tempi del maiorchino. Lo ricordiamo, il baby fenomeno iberico avrebbe dovuto partecipare al torneo già durante la scorsa stagione, ma ha dovuto dare forfait perché risultato positivo al Covid-19.

2. Alcaraz è il più giovane giocatore ad aver vinto una partita al Masters di Madrid

Alcaraz ha esordito nel Masters 1000 di Madrid nel 2021, grazie ad una Wild Card. Ha affrontato Adrian Mannarino al primo turno, battendolo per 6-4, 6-0, diventando così il più giovane giocatore a vincere una partita nella storia del torneo. Il record precedente era detenuto da Rafael Nadal, che sconfisse Davide Sanguinetti nel primo turno dell’edizione 2004. È interessante notare che entrambi hanno poi perso le partite del secondo turno.

3. Alcaraz è il più giovane spagnolo ad aver vinto un titolo Atp dai tempi di Nadal

Alcaraz ha conquistato il suo primo titolo nel circuito maggiore nel 2021, all’età di 18 anni, due mesi e 14 giorni, al Croatia Open di Umago 2021. Con tale successo è diventato il giocatore più giovane a vincere un titolo del tour ATP dai tempi di Kei Nishikori (2008 Delray Beach Open) e il più giovane spagnolo a raggiungere l’impresa da Nadal nel 2004. Il primo sigillo del maiorchino, lo ricordiamo, arrivò all’Idea Prokom Open di Varsavia, dove fece sui il titolo senza perdere un set all’età di 18 anni, due mesi e sei giorni.

4. Alcaraz è il giocatore più giovane ad aver raggiunto le semifinali del Sunshine Double

Qualche mese fa, Alcaraz è diventato il giocatore più giovane a raggiungere le semifinali (18 anni e 10 mesi) a Indian Wells e Miami, tornei conosciuti in coppia come Sunshine Double. Gli unici altri teenagers ad aver centrato l’impresa sono Andre Agassi, Andy Murray, Novak Djokovic e Rafael Nadal, tutti a 19 anni. Carlito, inoltre, è diventato il più giovane finalista in Florida dai tempi di Nadal

5. Alcaraz ha centrato le sue prime cinque vittorie contro un top-10 alla stessa età di Nadal

Al quarto turno di Miami 2022, Alcaraz ha sconfitto Stefanos Tsitsipas (all’epoca numero cinque al mondo) facendo registrare la sua quinta vittoria contro uno dei primi dieci giocatori in classifica. In precedenza, aveva già regolato il greco una volta, Matteo Berrettini due volte e Jannik Sinner. Alcaraz ha compiuto quest’impresa all’età di 18 anni, 10 mesi e 24 giorni, impiegando soltanto dodici giorni in più di Nadal.

Share.

Leave A Reply