spot_img
spot_img

Alla ricerca del Wawrinka perduto
A

Le ultime prestazioni di Stan Wawrinka sono state sconcertanti. A Madrid un Rafa Nadal non certo al top della condizione (come dimostrano le tre sconfitte consecutive in semifinale a Monte Carlo, Barcellona e alla “Caja Magica” contro Fognini, Thiem e Tsitsipas) lo ha preso letteralmente a pallate. A Roma, dove c’era grande attesa per capire se quello contro lo spagnolo fosse stato un episodio estemporaneo, David Goffin, dopo aver perso un combattuto primo set, lo ha surclassato 6-0, 6-2. E anche il belga ha avuto periodi migliori. A Ginevra, in uno dei tornei casalinghi, è stato eliminato in tre set dal modesto bosniaco Dumir Dzumhur.

Cosa succede, dunque a Wawrinka? L’operazione al ginocchio risale ormai a inizio 2017, più di due anni fa, ma Stan non è mai tornato ai livelli di Stanimal. Certo, l’intervento era tutt’altro che scontato, come lui stesso ha rivelato “il rischio era quello di non tornare mai più a giocare”. Ma se il 2018 può essere considerato, come naturale che fosse, un anno altalenante ma positivo, questa prima metà del 2019 sta mettendo in mostra tutti i limiti di tenuta dello svizzero.

Intendiamoci, per noi che siamo letteralmente innamorati di Stan, vederlo far partire quelle fiondate con il suo leggendario rovescio ad una mano è sempre una manna per gli occhi e per il cuore. Il problema, però, è che l’intensità del gioco di Wawrinka si fa sempre più discontinua e quando si spegne la luce non c’è più niente da fare.

Il numero due svizzero per definizione, cresciuto e diventato un grandissimo all’ombra di Roger Federer, ha ormai 34 anni compiuti e nel 2019 ha vinto 17 partite, perdendone 13. Numeri che non corrispondono alla sua statura tecnica e al suo talento innato. Il sogno è che possa tornare ad essere quel funambolico martello, capace di vincere tre Slam, nell’ordine a Melbourne, Parigi e New York. L’impressione, però, è che difficilmente ce la farà. Speriamo di sbagliarci.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img