I tennisti che hanno guadagnato di più nel 2020 (tra gli italiani comanda Sinner)

0

Andiamo a vedere insieme i tennisti che hanno guadagnato di più nel 2020, considerando solo il montepremi dei tornei a cui hanno partecipato. La vittoria di Medvedev alle Atp Finals chiude una delle stagioni più strane e irripetibili della storia di questo sport. L’esiguo numero di tornei giocati ha influito nettamente sui guadagni dei tennisti, che mai come quest’anno sono stati inferiori alla media.

I più ricchi del 2020

Il n.1 dei tennisti che hanno accumulato il montepremi più alto è sempre Novak Djokovic. Il serbo ha guadagnato circa 6.5 milioni di dollari (meno della metà della scorsa stagione). Lo segue Dominic Thiem, alla prima vittoria in uno slam e con le tasche piene: l’austriaco si ferma a poco più di 6 milioni totali alla fine della stagione. Si deve accontentare del terzo posto Rafael Nadal, che accumula appena 3.9 milioni di dollari anche per via della mancata partecipazione ai tornei americani della ripresa. Lo spagnolo ha subito la diminuzione più netta, avendo chiuso il 2019 in testa con un montepremi complessivo superiore ai 16 milioni di dollari.

Gli altri

Per arrivare a Roger Federer dobbiamo scendere fino al 35esimo posto, con 714mila dollari guadagnati agli Australian Open, suo unico torneo disputato nel 2020. Lo svizzero perde circa 8 milioni di guadagni rispetto all’anno precedente.

Troviamo i tre migliori italiani vicino alla posizione occupata dallo svizzero. Jannik Sinner è al 33esimo posto, con 736mila dollari portati a casa. Lo seguono Fognini al 36esimo (713mila dollari), Sonego 37esimo (703mila dollari) e Berrettini 38esimo (689mila dollari).

Sinner e Sonego entrano per la prima volta nella top40 dei montepremi vinti in carriera, mentre Fognini e Berrettini hanno dovuto subire un netto ridimensionamento. Il ligure aveva chiuso il 2019 al 11esimo posto con 2.8 milioni di dollari guadagnati, mentre il romano era addirittura ottavo con 3.4 milioni di dollari di guadagno.

Black Friday, le 7 occasioni da non perdere

Share.

Leave A Reply