spot_img
spot_img

In un solo gesto la classe degli All Blacks, il mito di Maradona e la poesia dello sport
I

Ci perdoneranno i nostri affezionati lettori se per una volta ci prendiamo una licenza poetica e ci discostiamo dal nostro amato tennis per parlare di un altro sport. O meglio, per parlare dell’essenza dello sport. E mai come in questo caso il termine licenza poetica ci sembra appropriato, perché di reale “poesia” si tratta.

Succede, infatti, che a pochi giorni dalla scomparsa di Diego Armando Maradona il calendario del Rugby Championship metta di fronte i Pumas argentini e gli All Blacks neozelandesi. Una settimana dopo la clamorosa vittoria dei sudamericani contro gli oceanici.

E succede che a qualche secondo dall’Haka (versione Kapa o Pango), l’iconica danza del popolo maori, gli All Blacks depongano al centro del campo una maglia neozelandese con stampato il numero 10 e il nome di Diego Armando Maradona.

In un solo gesto capiamo perché gli All Blacks siano una delle più mitiche squadre esistenti al mondo, perché il mito di Maradona sia e rimanga immortale anche dall’altra parte del mondo e da ciò che solo apparentemente è più distante, e perché lo sport, a qualsiasi livello, sia una magia capace di regalare bellezza ad ogni latitudine. Chapeau.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img