Ahi Sinner! Amaro debutto a Wimbledon, si torna a casa

0

Comincia nel peggiore dei modi la storia di Jannik Sinner a Wimbledon. L’altoatesino, infatti, all’esordio (main draw) sul prato verde dell’All England Club di Londra, è stato battuto in quattro set (poco più di 3 ore) dall’ottimo Marton Fucsovics.

IL MATCH: FUCSOVICS BATTE SINNER 5-7; 6-3; 7-5; 6-3

Il primo set – Comincia male l’incontro per Sinner, che nel primo gioco si fa strappare il servizio. L’altoatesino, tuttavia, riesce a rimediare alla falsa partenza restituendo subito il break a Fucsovics: dopo dieci minuti il risultato è di 1-1. Punto per punto, Jannik inizia ad acquisire maggiore sicurezza e conquista due game di fila, portandosi sul 3-1.

Set già indirizzato? No, perché il tennista ungherese non si lascia andare. Anzi, sulla battuta dell’azzurro si guadagna tre palle per il break, risultato che ottiene alla prima occasione disponibile. Poi non tentenna e fa 3-3.
Al contempo anche Sinner non arretra: il talento classe 2001 prima si porta sul 4-3 e successivamente rischia di dare la sterzata decisiva al parziale d’apertura. Fucsovics, però, è molto bravo a risalire dallo 0-30 e a conservare il proprio turno di battuta: è 4-4.

Dopodiché si corre veloce fino ad arrivare al dodicesimo gioco, quando, sul risultato di 6-5 per Sinner, Fucsovics si inceppa concedendo un set point all’altoatesino. Quindi, un dritto troppo lungo dell’ungherese regala il primo atto a Jannik: è 7-5.

Il secondo set – Arriva subito la reazione di Fucsovics, che nel quinto gioco, sfruttando l’unica chance concessagli da Sinner, piazza il break che lo porta sul 3-2. In seguito il numero 48 del mondo riesce prima a tenere il servizio e poi ad allungare ulteriormente strappando di nuovo la battuta all’azzurro: è 5-2. A questo punto, Sinner prova a riaprire il set centrando il break che gli vale il 3-5. Ma il suo tentativo è comunque vano, dal momento che, nel game successivo, Fucsovics ottiene in scioltezza il terzo break personale del secondo parziale, che di conseguenza si chiude sul 6-3 per l’ungherese.

Il terzo set – Sinner tenta nel primo gioco di rimettersi avanti nel match, guadagnandosi due possibilità per il break. Tuttavia, l’arrembaggio dell’italiano rimbalza contro la strenua difesa dell’ungherese, che riesce a tenere il proprio turno di servizio. Seguono cinque game senza particolari acuti da parte di entrambi. Poi l’altoatesino ci riprova nel settimo game, quando in virtù di grandi colpi messi a segno va nuovamente due volte a break point. L’esito, però, è sempre lo stesso: Fucsovics riesce ancora a cavarsela e a portarsi sul 4-3. Il match prosegue molto equilibrato e in men che non si dica si arriva sul 6-5 (senza break) in favore dell’ungherese. Poi la svolta: Jannik va sotto 15-40 nel dodicesimo gioco, offrendo due set point all’avversario. Fucsovics non si fa pregare e chiude 7-5 alla seconda opportunità. Resta il rimpianto di quelle quattro chance di break non capitalizzate dal giovane azzurro.

Il quarto set – Alla ripresa si va subito sulle montagne russe, con i due tennisti che nei primi sei game si scambiano quattro volte la battuta: è 3-3. Fatale, però, per Sinner l’ottavo gioco: il quasi ventenne si fa breakkare, consegnando praticamente la sfida nelle mani di Fucsovics. L’ungherese, infatti, riesce a chiudere successivamente sul 6-3.

DOVE VEDERE WIMBLEDON 2021 IN TV E STREAMING

Sky avrà l’esclusiva su Wimbledon fino all’anno 2022. In accordo con Sky, Super tennis trasmetterà una partita per ogni giorno del torneo. Sarà, inoltre, possibile vedere i match in streaming sulla piattaforma di Sky go.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply