Il momento del finto “ok, hai vinto tu” che ha fregato (ancora) Jannik Sinner

3

Il momento del finto “ok, hai vinto tu”. Ci stavo pensando adesso, a mente un po’ più arieggiata. Se penso alle due partite di Sinner con Tiafoe e con Medvedev vedo una incredibile e strana analogia che ha condizionato, temo, l’esito di entrambe le partite.

Certo le due partite sono state molto diverse, in una Jannik era in vantaggio e dominio fin dall’inizio e in un’altra al contrario è partito molto male e poi ha rimontato. Ma ad un’analisi più attenta le due partite sembrano accomunate nel loro svolgimento da una sorta di trappoletta, un pò involontaria ma anche no, nella quale purtroppo il nostro Jannik è cascato, certamente per una certa inesperienza e credo onestà d’animo che lo ha portato a non adottare le necessarie contromisure a quanto stava accadendo, in un preciso e identico momento di entrambe le partite.
Il momento in cui l’avversario sembra assumere un atteggiamento, evidentemente finto, nel quale, con il tennis giocato ma soprattutto con atteggiamenti di contorno, viene trasmesso il messaggio “ok, hai vinto tu”.
Tiafoe con atteggiamenti anche molto plateali, quasi clowneschi, che hanno portato Sinner a sorridere (ricordate?) come se avesse percepito da parte del suo avversario una resa, e questo lo ha decompresso e deconcentrato sicuro.
Medvedev con una condotta tecnica folle, che appariva come di quello che non ha ormai più nulla da perdere, prime e seconde identiche tirate entrambe a più di 200 all’ora, un non-senso tecnico, 10 secondi tra un punto e l’altro, come di chi tira ad arrivare prima possibile alla doccia tanto ormai la partita è andata, tiracci a tutta addocogliocoglio.
E purtroppo in entrambi i casi ha funzionato. Sinner ha un po’ incosciamente temo allentato la presa. Questa mancata percezione di una piccola trappola, di un rischio dovuto ad un allentamento della tensione, credo abbia rappresentato un analogo elemento decisivo in entrambi i match.
Jannik crescerà e imparerà a gestire questi momenti delle partite. Certo che imparerà. È un secchione.

Articolo tratto dal gruppo Facebook “Appassionati di Tennis” dopo autorizzazione da parte dell’autore

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

3 commenti

  1. Credo che sia tiafoe che medvedev hanno capito il rischio che avevano di perdere ed hanno usato un altra strategia. Non certo quella di giocare meglio.

  2. Scusate ma queste sono classiche scuse da rosiconi perdenti: “buu lui è stato cattivo e mi ha fatto male…”.
    Forse non vi ricordate cosa dovevano patire i poveretti che affrontavano Lendl, Mc Enroe, Connors quando la partita iniziava a farsi combattuta, altro che sbadiglio di Medvedev e risatine di Tiafoe!
    Se Jannik soffre questi atteggiamenti è un SUO limite, vuol dire che ci dovrà lavorare sopra e uscirne ancora più forte, punto.

Leave A Reply