Coppa Davis, sorprese finite: trionfa la Russia super favorita

0

Dopo quindici anni dall’ultima volta, è trionfo russo in Coppa Davis! Grazie ai successi di Rublev e Medvedev, rispettivamente su Gojo e Cilic, la RTF si è appena aggiudicata la finale contro la Croazia in maniera netta e perentoria. Inutile, a questo punto, l’incontro di doppio previsto in serata. È la terza affermazione per la Russia in tale prestigioso torneo dopo gli exploit del 2002 e del 2006. Andiamo a scoprire di più!

Rublev vs Gojo 6-4; 7-6

Quella tra Andrej Rublev e Borna Gojo si è rivelata una partita molto equilibrata, in cui è stato messo a segno soltanto un break. Lo ha centrato il russo nel settimo gioco del primo set, andando poi a chiudere sul 6-4. Nel secondo parziale, invece, decisivo il tie-break che ha visto prevalere ancora il moscovita per 7 punti a 5.

Medvedev vs Cilic 7-6; 6-2

Abbastanza combattuta anche la seconda sfida del singolare, con Daniil Medvedev che ha vinto in scioltezza dopo un buon inizio di partita da parte di Marin Cilic. La spallata nel tiebreak del primo set, conquistato dal russo per 9 punti a 7. Poi, con l’inerzia a favore, il numero due al mondo ha completamente dominato nel secondo parziale, chiudendo con un 6-2.

Trionfo RTF in Coppa Davis, la cavalcata

La Russia ha superato il proprio girone battendo 3-0 l’Ecuador e 2-1 la Spagna. Poi ha estromesso la Svezia ai quarti (2-0) e la Germania in semifinale (2-1). Dunque, il trionfo nell’atto conclusivo contro la Croazia. Rispettato il pronostico che vedeva la squadra di Tarpischev come la favorita del torneo. Bottino pieno per Daniil Medvedev che ha vinto 5 partite su 5. Mentre Andrej Rublev ha perso solo una gara contro Lopez Feliciano.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply