McEnroe e i Bad Boys: io, Connors e Nastase eravamo da ospedale psichiatrico

0

John McEnroe, in una recente intervista, ha ripercorso la sua vita da professionista.

“È molto più facile fare il commentatore che giocare, anche se la ricompensa è molto più grande quando si vince Wimbledon o lo US Open, ma si soffre anche per la pressione e lo stress che ci si mette addosso e per le aspettative che provengono dall’esterno e da tutto ciò che accade. Ci si lascia prendere dal momento e quando ci si rende conto, ti viene da dire: ‘Perché non me lo sono goduto di più?’.

In quel momento mi rendo conto che non ho fatto bene mentre giocavo, non mi sono mai fermato a chiedermi: sono una persona migliore di quella che ero un anno fa? Avere dei figli mi ha aiutato a essere più paziente, per esempio, perché quando giocavo non avevo molta pazienza!

Apprezzo di più le cose semplici della vita, quelle che sono più importanti della vittoria o della sconfitta. Sono orgoglioso che le persone abbiano migliorato l’opinione che hanno di me.

È stato lento, graduale, ho avuto i miei alti e bassi, ma ho lavorato sodo e ho ottenuti i frutti. Il fatto che così tante persone abbiano potuto vedere quell’evoluzione, quell’esperienza, credo sia fantastico.

Non guardo indietro, non leggo le cose del passato, sarebbe buffo essere chiamato ‘Super Brat’ ora, a 63 anni.

Ma so anche che se non avessi vinto così tante partite, così tanti slam, così tanti tornei in generale, nulla di ciò che ho fatto avrebbe avuto importanza per loro. Se fossi il numero 200 al mondo mi cancellerebbero, quindi prendo gli aspetti positivi.

Molte azioni sono state colpa mia, non dirò che è stata tutta colpa degli altri, mi assumo la mia parte di responsabilità. Ora mi piace pensare di aver imparato da tutto questo.

I ragazzi ora sono terribili, anche se bisogna considerare ogni caso singolarmente. Djokovic è stato un incidente, proprio come Shapovalov, è stato stupido. Se si colpisce la palla con questa frustrazione, si possono trovare solo problemi.

Zverev ha perso la testa, non so cosa gli sia passato per la mente quando ha sbattuto la racchetta contro la sedia dell’arbitro. Ai miei tempi, Connors, Nastase e io eravamo peggio, sembravamo pazienti di un ospedale psichiatrico, hanno reso le regole più severe per noi.

Questo mi rende felice, non dico che quelli di adesso non dovrebbero essere puniti, ma penso davvero che sia meglio che i giocatori mostrino le loro emozioni. Abbiamo bisogno di più di questo, ma abbiamo bisogno che lo facciano bene”.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

Leave A Reply