Da Bastad a Newport passando per Budapest. Non male come settimana post-Wimbledon. E che Thiem
D

Altro che riposo dopo lo Slam inglese. Quella che sta volgendo al termine è stata una settimana intensa di tennis, con ben quattro tornei, tre su terra rossa e uno su erba. Il tennis ha ritrovato un grande campione come Thiem; Rublev di nuovo in mostra dopo un mese di stop. Peccato per le due italiane Trevisan e Cocciaretto che si sono fermate entrambe ai quarti di finale di Budapest. E che dire della coppia magica di doppio Bolelli-Fognini? Giunti ancora una volta in finale, questa volta a Bastad. Insomma, tanto tennis. Oggi e domani le finali dei tornei in corso, ma una parte dei riflettori è già puntata alla prossima settimana, visto che al 500 di Amburgo sono già in corso le quali e che oggi è passato Luca Nardi.

Atp Bastad – Svezia.

Siamo nella fase finale dello Swedish Open, noto anche come SkiStar, che si gioca su campi in terra battuta a Båstad, in Svezia. Ricordiamo anche che è stato votato dai tennisti come miglior torneo di categoria per ben 11 volte, dal 2002 al 2012. Il favorito è Rublev (era molto atteso), in cerca di partite di tennis dopo aver saltato Wimbledon per gli stranoti motivi legati alla nazionalità. Il russo arriva in semifinale con Sebastian Baez dopo un mese di stop, superando prima Federico Coria dopo una lunga e dura battaglia; poi Laszo Djere. L’altra semifinale, che si giocherà per prima, alle 13, è tra Francisco Cerundolo e Carreno Busta. A seguire, appunto, Baez-Rublev. Da sottolineare il momento top di Cerundolo, che ha agli ottavi ha superato in tre set un certo Casper Ruud, e ai quarti il tosto Karatsev, per due set a zero.

Ma abbiamo visto (con gioia) anche i segnali positivi di Dominic Thiem, in cerca di punti, che ha vinto due partite  di seguito (erano anni che non accadeva) grazie alle sue sventagliate di dritto. L’austriaco con il suo drittone ha piegato la testa di serie numero 4 del torneo Roberto Bautista Agut dopo 2 ore e 40 minuti. Un significativo banco di prova per l’ex numero 3 al mondo, che però si è poi scagliato ai quarti con l’argentino Sebastian Baez.

E Bolelli/Fognini? Che spettacolo la coppia azzurra, che batte al super tie break gli avversari Cacic/Nedovyesov conquistandosi la possibilità di vincere il loro quinto trofeo. Domani la finale contro Matos/Hernandez. Grandissimi.

Atp Newport

L’altro torneo Atp si gioca sull’erba, negli States, a Newport. In questa edizione dell’Hall of Fame Open, abbiamo assistito alla sorpresa di Kubler, arrivato in semifinale dopo aver eliminato Auger-Aliassime. Giocherà contro Bublik, che ha battuto in un quarto di finale piuttosto nervoso Andy Murray. Lo scozzese nel primo set ha lanciato la sua racchetta in rete dopo un doppio fallo. Poi, Bublik ha polemizzato in maniera insistente con l’arbitro per un fallo di piede che gli è stato chiamato. L’altra semi invece è tra i due americani Cressy e Isner, che faticano molto al turno precedente, ma che alla fine vincono a suon di ace. L’appuntamento per la prima delle due partite è alle 19. Cominceranno i due giganti americani.

 

Wta Budapest e Wta Losanna

Gli altri due tornei di questa settimana sono del circuito Wta, entrambi su terra battuta.

A Budapest Il cammino di Elisabetta Cocciaretto e Martina Trevisan si è fermato ai quarti. La 21enne marchigiana si è arresa dopo un’ora e 24 minuti di gioco a Bernarda Pera che vince in 6-4, 6-3. Con la statunitense sempre in vantaggio che ora affronterà in semifinale la padrona di casa, Anna Bondar, che ha superato invece in 6-4, 6-1 la 28enne toscana. Niente derby nel penultimo atto, peccato.

Mentre dalle parti di Losanna, in svizzera, la n. 85 WTA Petra Martic ha eliminato ai quarti di finale la beniamina di casa Belinda Bencic, con il punteggio di 6-3 7-6(2), e ora affronterà in semifinale la francese Garcia. Troppi errori per la Bencic. L’altra semi è tra la serba Danilovic e la russa Potapova.

 

Intanto è già Amburgo

Come dicevamo in apertura, però, una parte dei riflettori sono puntati già alla prossima settimana, in Germania ad Amburgo. Sinner purtroppo ha dato forfait e non parteciperà. “Meglio recuperare dal problema alla caviglia”, ha detto saggiamente il nuovo numero uno italiano, che rientrerà probabilmente per il 25 luglio, a Umago. Gli occhi sono puntati al 500 tedesco perché già oggi sono in corso le quali: Luca Nardi ha passato il turno per il ritiro di Sousa e Stefano Travaglia se la sta vedendo con la giovane wild card di origine serba, Marko Topo.

 

Articoli correlati

spot_img