Il viaggio di Lleyton Hewitt, da “Little Mongrel” alla Hall of Fame. La toccante lettera di Darren Cahill

0

Darren Cahill, allenatore australiano di fama internazionale, al momento integrato allo staff di Jannik Sinner, ha affidato al sito dell’Atp queste bellissime parole per celebrare l’ingresso di Lleyton Hewitt – uno dei suoi pupilli più amati – nella Hall of Fame.

“Ci sono giorni in cui lo sai e basta. Non succede spesso e, ad essere del tutto onesti, il più delle volte è un’ipotesi plausibile quando si prevede il futuro di un atleta. Erano i primi anni ’90 ad Adelaide, in Australia. Avevo sentito i sussurri e le chiacchiere. Aveva iniziato a rimbalzare nei circoli del tennis come un servizio boom-boom di Boris Becker.

Un giovane emergente biondo magro che proveniva da una famiglia di sportivi d’élite stava suscitando molto scalpore con il suo livello di gioco e quell’attitudine alla vittoria che a dire il vero non tutti amavano completamente. Il suo nome era Lleyton Hewitt. Aveva 12 anni. Il mio campanello suonò e lo aspettavo. Conoscevo i suoi genitori Glynn (AFL football) e Cherilyn (Netball), ma il primo incontro ha lasciato un’impressione duratura che è rimasta radicata nel corso degli anni.

C’era Lleyton. Occhi d’acciaio, concentrato. Sembrava piccolo per la sua età, e lo era. Vestito con gli abiti Agassi Nike dalla testa ai piedi, berretto al rovescio, portava una borsa per racchette Prince sulle spalle piena di telai. ‘Buongiorno amico, io sono Darren’, dissi mentre tendevo una mano. ‘Ciao, sono Lleyton, giochiamo?’ fu la risposta, condita da una stretta di mano decisa.

Ad essere onesti, non era davvero una risposta, ma più una richiesta. Non mi importava però. Già a questo punto ero divertito, incuriosito e intimidito allo stesso tempo. Avevo 28 anni e mi ero appena ritirato dal tour a causa di problemi al ginocchio. Ma interpretare un ragazzino di 12 anni non era un problema. Come si è scoperto, è stato un leggero errore di calcolo da parte mia. Ci siamo riscaldati e sono rimasto stupito dalla sua bellissima tecnica da fondo campo. Anche il suo gioco a rete era solido ed era stato fatto un lavoro considerevole per dargli una solida base.

Quel lavoro era stato svolto da uno dei migliori allenatori dell’epoca, Peter Smith. Dopo 15 minuti ho chiesto a Lleyton cosa gli sarebbe piaciuto fare e lui ha risposto “Giochiamo i set”. Perfetto. È ora di dare una lezione a questo piccolo bastardo. I primi due set sono andati avanti senza problemi poiché il servizio in kick di un ex professionista di 188 cm si rivelò un po’ difficile da gestire per lo gnomo da giardino. Ma qualcosa di insolito iniziò ad accadere.

Suo padre, che era rimasto a guardare, gli è andato incontro per dargli consigli, ma Lleyton lo fermò e ricominciò a giocare. Come un velociraptor, aveva iniziato a muoversi sul campo e a sondare i punti deboli. Ha capito il mio servizio e presto me l’ha rubato. Ha iniziato a servire sul mio diritto, cosa che odiavo. E invece di permettermi di andare a rete alle mie condizioni, mi ha trascinato dentro con delle palle spazzatura e poi ha continuato a lanciarmi in topspin di rovescio.

Con ogni vincente che proveniva dalla racchetta del piccolo Hewitt si poteva sentire quello che sarebbe diventato il suo grido di guerra, quel “C’monnnn” che si sentiva ad almeno cinque strade di distanza. Dopo l’allenamento sono tornato a casa mia e mia moglie, che all’epoca era la mia ragazza, mi guardava e sorrideva. La prima cosa che mi ha detto è stata: “Cosa ne pensi di quel ragazzo?”. Ho detto: “Accidenti, questo ragazzo è bravo. Sarà qualcosa di speciale”. Quello è stato uno di quei rari giorni in cui lo sai.

Due anni dopo, quando Lleyton aveva 15 anni, ho portato lui e altri due giovani australiani in Svizzera per competere nella Coppa Davis Juniores, un evento prestigioso in cui tutti i migliori giovani erano venuti a rappresentare le loro nazioni d’origine. C’era un altro quindicenne che gareggiava e rappresentava la Svizzera. Il suo nome era Roger Federer. Conoscevo Roger perché il mio migliore amico, Peter Carter – che lavorava a Basilea come allenatore e giocava a tennis nei club dei TC Old Boys – mi aveva presentato Roger 12 mesi prima e mi aveva chiesto di vederlo allenarsi.

L’ho guardato. Sono rimasto impressionato, ma non sconvolto. Chiaramente una brutta giornata di scouting per me. Ma ora, dopo 12 mesi, Roger e Peter camminano tutti vestiti con le loro tute bianche e rosse (svizzere). Roger era cresciuto e ora era un ometto allampanato, mentre Lleyton indossava ancora pantaloncini di tre taglie in più per lui. Sarà Australia-Svizzera, sarà Lleyton Hewitt contro Roger Federer nel primo turno. Peter sorrideva come se avesse appena rubato un’altra delle mie ragazze (storia vera).

Lleyton non mi ha deluso. La partita è stata semplicemente epica. Federer è andato via con la vittoria per 7-6 nel terzo set. L’Australia è andata via con la vittoria della squadra per 2-1. La prima di tante grandi battaglie tra questi due buoni amici.

Avanti veloce fino al 2001.

Ci vogliono molte qualità per essere un atleta d’élite e non tutti sono benedetti da una grande velocità, forza o altezza, ma ci sono alcune qualità che non sono negoziabili per essere un grande campione. Sono etica del lavoro, convinzione, resilienza e determinazione. Sono tutti importanti e tu hai bisogno di tutti loro. Questo è ciò che separa i grandi giocatori dai buoni. Tutte queste qualità, più un po’ di fortuna, sono state presenti durante la corsa di Lleyton al suo primo titolo importante, agli US Open.

Ha sopportato forse i suoi momenti professionali più impegnativi all’inizio del torneo, che ha finito per definirlo più avanti nell’evento, e per il resto della sua carriera. È maturato. L’uomo che ha giocato nella seconda settimana non era lo stesso che ha iniziato il torneo. Quando Lleyton si è scatenato in campo per il suo scontro in semifinale contro Yevgeny Kafelnikov, le stelle si erano schierate per lui per offrire la sua prestazione più completa sul palco più grande, per mandare il due volte vincitore a fare i bagagli in due set.

Y-Man ha lasciato il campo in frantumi. Lleyton ha lasciato il campo per prepararsi alla sua prima finale importante contro il grande Pete Sampras. La mattina della finale, Lleyton era sorprendentemente calmo. Gli è stato dato un focus su cosa aspettarsi, dato che avevano giocato in semifinale agli US Open l’anno precedente. Pete ha vinto in tre set, ma è andato vicino. Oggi Lleyton era diverso. Era eccitato, non nervoso. Si sentiva la folla di 23.000 persone che diventava turbolenta mentre si avvicinava il tempo di gioco. La folla di New York fa del suo meglio per farsi sentire attraverso i corridoi e gli spogliatoi.

Voleva un intero Arthur Ashe Stadium e voleva che fosse un americano dall’altra parte del campo. Sapeva che avrebbe avuto pochissimo supporto dal pubblico, ma è proprio così che gli è sempre piaciuto. Come ho detto, Lleyton era diverso. I giocatori sono stati chiamati ad entrare in campo, la gabbia di Lleyton è stata spalancata e la tigre è stata lasciata libera sull’Ashe Stadium. Due ore dopo e Lleyton teneva in alto il trofeo, vincendo in tre set 7-6(4), 6-1, 6-1. Ero seduto accanto al capitano australiano della Coppa Davis John Fitzgerald per la finale, e tutto ciò che continuava a dire era: “Oh mio Dio, è incredibile. Non posso credere che vincerà davvero questo”. Eravamo entrambi in soggezione per questo giovane fenomeno australiano.

Pochi mesi dopo è diventato il giocatore più giovane della storia a raggiungere il numero 1 del mondo e ha concluso il 2001 con la vittoria alle Nitto ATP Finals. Un risultato notevole. Il DNA di Lleyton era diverso dalla maggior parte degli altri. Ha preso uno sport individuale e ha trasformato le sue partite in un ambiente sportivo di squadra, sfruttando il suo background di regole australiane per radunare le persone intorno a lui come compagni di squadra. Non c’era niente da solista nelle sue esibizioni.

Forse c’è un accenno di Connors, McEnroe e Nastase in lui, ma ci sono anche un sacco di Newcombe, Laver, Emerson e Rosewall che scorrono nelle sue vene. Quel vero spirito australiano con un pizzico di malizia solo per smuovere le cose. Quando si è trattato di Coppa Davis e di rappresentare il suo paese, è lì che ha veramente definito se stesso e il suo carattere. Ai suoi occhi, non c’era onore più grande e giocava con il cuore e l’anima ogni volta che indossava il verde e l’oro. Per molti anni ha sacrificato la sua classifica personale e le sue entrate per dare la priorità alla Coppa Davis nel suo programma.

Il suo record in Coppa Davis parla da sé e la nuova generazione australiana è fortunata ad averlo come nostro capitano australiano. Vincitore di due major in singolo (US Open e Wimbledon), Lleyton è stato il numero 1 di fine anno per due anni consecutivi (2001 e 2002) e ha vinto 30 titoli in singolo a livello di tour. Ha guidato l’Australia a due vittorie in Coppa Davis (1999 e 2003) e non dimenticare il titolo di doppio degli US Open con Max “The Beast” Mirnyi (2000).

Lleyton ha segnato una carriera straordinaria. È stato sfortunato con diversi infortuni che hanno frenato la sua carriera e le sue ambizioni. Indipendentemente da ciò, sarà sempre in grado di guardare indietro alla sua carriera ed essere orgoglioso senza rimpianti.

Come diceva spesso Lleyton, “Ho lasciato tutto là fuori, amico”. Sì, l’hai fatto giovane. E altro ancora. Ancora più importante, Lleyton ha lasciato un’eredità importante nella competizione per l’Australia e nella definizione di uno standard di allenamento e competizione a cui ogni generazione dovrebbe guardare. È un modello per credere nell’impossibile e poi trasformare l’impossibile in realtà.

Non ha lasciato nulla al caso e ha amato ogni singolo secondo del suo viaggio. Aveva uno scopo, se l’è preso grazie alla resilienza, trasudava convinzione e aveva un’etica del lavoro senza pari. E sì, aveva il cuore di un leone e la mente di un velociraptor.

La sua ricompensa? Una meritata introduzione nella International Tennis Hall of Fame.

Ben fatto, Rusty!”


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply