Il tennis che verrà, la situazione internazionale e quella italiana

0

Ieri (15 giugno) si sarebbe dovuta tenere la riunione tra i vertici del tennis mondiale per annunciare le date e le tappe della ripresa. Purtroppo però la decisione è slittata ancora di qualche giorno. Al contrario, in Italia sembra ci siano idee più chiare su una possibile ripartenza già dalla fine di giugno. Vediamo insieme il quadro generale del tennis che verrà.

La situazione internazionale

Malgrado non ci siano state dichiarazioni ufficiali da parte dell’ATP e della WTA sulla ripresa del tennis professionistico, Forbes e soprattutto ESPN (distributore ufficiale dei tornei USTA e finanziatore degli stessi per ben $70 milioni) hanno accennato, con cognizione di causa, a possibili scenari.

Le prime indiscrezioni parlano di un tour sul cemento americano ridimensionato, ma ancora in piedi. Sono infatti cancellati gli impegni in Canada (WTA Premier5 a Montreal e Master1000 a Toronto), San José (WTA Premier), Albany (WTA International) e Winston Salem (ATP250).

Secondo i due potenti organi d’informazione la prima tappa sul cemento americano si terrebbe a Washington a partire dal 17 agosto (torneo maschile e femminile). I giocatori si sposterebbero poi dal 24 agosto al 13 settembre a New York, per giocare le due competizioni rimanenti nelle condizioni che avevamo già discusso nei giorni scorsi. Nella grande mela si svolgerebbero prima il torneo di Cincinnati (ATP Master1000 e WTA Premier5) e poi lo US Open in formula ridotta.

Se il futuro dei tornei americani sembra un’incognita, lo è ancor di più quello dei tornei successivi. Al momento solo il Roland Garros e gli Internazionali BNL d’Italia sembrano potersi svolgere con relativa sicurezza.

Alcune federazioni si sono già tirate indietro ed hanno annunciato la cancellazione dei propri eventi che si sarebbero dovuti tenere da ottobre in poi. Stiamo parlando del WTA International di Lussemburgo, il WTA Premier di Mosca ed il WTA International di Hong Kong. A questi si aggiungeranno a brevi anche altri eventi indoor maschili e femminili cancellati per l’impossibilità del mantenimento delle distanze di sicurezza in piccoli palazzetti dello sport.

La situazione del tennis italiano

In controtendenza dal resto del circuito mondiale, in Italia il tennis riparte dagli assoluti (non si tenevano da ben 16 anni).

Gli assoluti di tennis, che vedranno la partecipazione tra gli altri di Sonego e Fabbiano, si svolgeranno a partire dal 20 giugno nella città di Todi in Umbria e saranno la prima competizione ufficiale a ripartire (in contemporanea cominceranno i tornei under ed individuali regionali).


Il consiglio del giorno

Macwheel 27,5″/28″ Bici Elettrica da Citt/àTrekking/Mountain


Le 10 migliori racchette da tennis nel 2020. Per tutti i livelli e le età

Share.

Leave A Reply