domenica, settembre 20

Il tennis riparte dagli Stati Uniti? Sì, no, forse…

0

Durante la riunione tra la federazione USA e più di 400 giocatori ATP, tenutasi ieri (mercoledì 10 giugno) in forma online su Zoom, sono state proposte tre diverse ipotesi per tornare sui campi. Il tennis riparte dagli Stati Uniti?

Andiamo a vedere i tre scenari, tutti già bocciati da Novak Djokovic (“per come stanno le cose ora, la mia stagione continuerà sulla terra rossa da settembre”).

Le possibili ipotesi di ripartenza

La prima ipotesi prevede lo svolgimento a New York del Cincinnati Open e degli US Open, entrambi senza le fasi di qualificazione e con il torneo di doppio ridotto a 24 coppie. La scelta permetterebbe ai giocatori di evitare spostamenti sul territorio americano.

Il secondo scenario vede la cancellazione in toto del torneo di Cincinnati, mantenendo così le qualificazioni e il torneo di doppio (con tabellone standard) allo US Open.

La terza soluzione è la cancellazione di entrambi i tornei sul cemento americano, ipotesi peggiore per tutti gli amanti di questo sport.

Le restrizioni dei primi due scenari sono dovute al fatto che l’USTA può seguire e gestire i giocatori o al torneo di Cincinnati o alle qualificazioni degli US Open, purtroppo non a entrambi.

Altri dettagli e dead-line

Tutti i giocatori e i membri dello staff alloggerebbero in un unico centro, il TWA Hotel a New York. La struttura possiede ben 512 stanze ed una enorme palestra, condizioni perfette per mantenere il distanziamento sociale tra i giocatori.

Dopo la riunione del 10 giugno i giocatori avranno altri 4 giorni per decidere la soluzione migliore per tutti. È infatti attesa per il 15 giugno la decisione finale sulla stagione americana.

Da parte nostra la speranza è rivedere in campo i nostri beniamini il prima possibile, sempre però in completa sicurezza.

Quale sarebbe, secondo voi, la soluzione migliore? Fateci sapere cosa ne pensate.


L’occasione del giorno

Ninebot by Segway, Monopattino elettrico


Le 10 migliori racchette da tennis nel 2020. Per tutti i livelli e le età

Share.

Leave A Reply