Allarme da Melbourne: Australian Open a rischio rinvio?

0

Non sono buone le notizie che arrivano dall’Australia. C’è il rischio di uno slittamento dell’inizio del primo Slam dell’anno. Come noto, infatti, il governo australiano impone una quarantena preventiva di due settimane, in chiave anti-Covid, per chiunque entri nel Paese. E questo riguarderà, ovviamente, anche i giocatori di tennis.

E se nelle scorse settimane i board di Atp e Wta avevano concordato con la Federazione australiana e le autorità del Paese la possibilità di disputare il torneo nei tempi prestabiliti (dal 18 al 31 gennaio), ora le cose potrebbero cambiare.

Il governo, infatti, ha già informato Tennis Australia che non accetterà giocatori sul proprio territorio prima dell’inizio del nuovo anno. E quindi, i programmi dei tennisti che avevano preventivato di volare in Australia già a dicembre per fare lì la quarantena e disputare i tornei che precedono lo Slam a gennaio dovranno rivedere i loro piani.

Il rischio, quindi, è uno slittamento di tutte le competizioni (vi riportiamo il calendario qui sotto) di almeno una settimana, compreso l’Australian Open. A meno che alcuni dei tornei che lo precedono non vengano direttamente cancellati.

  • ATP Cup, che non aveva ancora date certe;
  • il Canberra International, ATP Challenger e W25 in programma dal 4 al 10 gennaio;
  • il Brisbane International, WTA Premier in programma dal 6 al 12 (il torneo ha già annunciato il trasloco a Melbourne);
  • l’Hobart International, WTA International in programma dal 9 al 16 (anche questo evento ha già dato per certa la nuova sede sempre a Melbourne);
  • l’Adelaide International, WTA Premier e ATP 250 in programma dal 10 al 16.
Share.

Leave A Reply