La previsione di Medvedev che chiuderebbe di fatto il dibattito sul GOAT

3

“Se va avanti così Novak Djokovic potrebbe rimanere al vertice della classifica mondiale per altri due anni e raggiungere la cifra mostruosa di 400 settimane in posizione numero uno del ranking Atp“. E’ questa la previsione che ha fatto Daniil Medvedev, nuovo numero due del mondo, a proposito del vincitore degli ultimi Australian Open, che ha appena superato il record precedente (310 settimane) che apparteneva a Roger Federer.

Un pronostico che risolverebbe, di fatto, il dibattito sul GOAT, il Greatest Of All Time – il più grande giocatore di sempre – che riguarda un nucleo ristrettissimo di giocatori: Djokovic, Federer, Nadal su tutti.

“Noi ovviamente proveremo a fare in modo che non succeda – ha rassicurato Medvedev – ma il Novak visto in finale contro di me in Australia è un tennista incredibile. Ho provato a trovare delle soluzioni ma è stato davvero impossibile”.

Per arrivare a 400 settimane alla guida del ranking, Djokovic dovrebbe vincere almeno un paio di Slam ogni anno, arrivando anche a superare Federer e Nadal in questa speciale classifica. Insomma, i prossimi due anni saranno probabilmente decisivi per mettere definitivamente la parola fine alla disputa sul GOAT che tanto piace agli appassionati di tennis di tutto il mondo.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!


>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

3 commenti

  1. Il GOAT non è un fatto di numeri, è un fatto di magia.
    Mohammed Alì o Maradona non sono necessariamente stati gli sportivi più vincenti, ma certamente quelli che hanno lasciato una più vasta impronta nell’immaginario collettivo.
    E, per quel che mi riguarda, Djokovic potrebbe rimanere anche 400 settimane sullo scettro del n.1, ma il Dio del tennis resta Re Roger, e per parecchie lunghezze almeno…

    • Il serbo potrebbe rimanere “con” (e non “sullo”) scettro e dicendo “almeno”, le “lunghezze” andrebbero quantificate. Per quanto attiene al concetto, sono in pieno accordo con quanto hai espresso.

Leave A Reply