Crollo Cecchinato a Cagliari, s’è spenta (di nuovo) la luce

0

I timidi segnali di ripresa di Marco Cecchinato, lasciati intravvedere nella seconda metà del 2020, sono solo uno sbiadito ricordo. Il 28enne siciliano è stato sconfitto nel secondo turno dell’Open di Sardegna dal tedesco Yannik Hanfmann, che, nonostante il nome che ricorda quello del nostro Sinner, non è propriamente l’uomo più talentuoso del circuito.

Buon giocatore, per carità. Soprattutto sulla terra molto solido e rognoso. Non abbastanza, però, per giustificare il netto 7-5, 6-1 con cui, specialmente nel secondo set, ha scherzato contro un Cecchinato che è solo il lontano parente di quel tennista che nel 2018 aveva stupito il mondo e che, come dicevamo, nella seconda parte di stagione del 2020, aveva dimostrato di essere ancora un giocatore di tutto rispetto, specie sull’amata terra rossa.

Specialmente a Roma e al Roland Garros, e poi con la finale raggiunta nell’Open di Santa Margherita di Pula, il “Ceck” sembrava sulla strada giusta, con la nascita del primo genito e una serenità ritrovata anche grazie al nuovo coach.

In questo 2021, però, sono arrivate finora solo delusioni. Quella contro Hanfmann è la settima sconfitta su nove gare in stagione. Troppo poco per un tennista che tre anni fa era in top-20, raggiungeva la semifinale del Roland Garros e vinceva due tornei Atp. Quello che si è visto a Cagliari è purtroppo ancora la brutta versione di Cecchinato: insicuro, falloso e nervoso, incapace di trovare soluzione che possano aiutarlo ad uscire dalle situazione di difficoltà.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Borse e zaini da tennis, prezzi e consigli per l’acquisto

Share.

Leave A Reply