Feliciano contro Musetti: una storia infinita che incrocia una storia appena cominciata

0

Quarant’anni, ventiquattro dei quali trascorsi a calcare i palcoscenici più prestigiosi del circuito ATP. Trentatré finali disputate. Sette titoli vinti in singolare, cinque in doppio. Più di 1500 volte in campo! Signore e signori Lopez Feliciano. Una delle leggende viventi del tennis.

Nato a Toledo il 20 settembre 1981, Feliciano già all’età di cinque anni mostrava un buon talento in questo sport. A 16 anni, arrivò in finale al torneo americano Orange Bowl, l’annuale campionato giovanile. Nello stesso 1997, giocò il suo primo torneo da professionista a Maiorca. L’anno seguente, entrò per la prima volta sotto l’egida dell’ATP. Il debutto di Lopez ebbe luogo a Bruxelles, con una sconfitta. Ma, nonostante il brutto inizio, un anno dopo Feliciano si riscattò vincendo due tornei ITF. Nel 2001, vinse nuovamente uno dei tornei organizzati nell’ambito di ITF Futures. Nel maggio di quell’anno, si qualificò anche per un torneo del grande Slam: il Roland Garros, dove al primo turno perse in tre set da Carlos Moya.

Di lì in poi, il percorso di crescita è stato costante, con lo spagnolo che si è andato a consacrare come uno dei tennisti più rappresentativi del Circus.

LA LEGGENDA

Lopez ha toccato il suo più alto in carriera nel 2015, raggiungendo la dodicesima posizione nel ranking ATP. Mentre quest’anno, agli Australian Open, ha fatto segnare un record molto significativo: la sua settantacinquesima partecipazione consecutiva in un Grande Slam. Il nativo di Toledo non ne salta uno dal 2002, quando fu assente proprio al torneo di Melbourne. Solo il suo connazionale Fernando Verdasco gli si avvicina con 67 presenze di fila. Chiude il podio Federer, che è fermo a 65 volte di fila.

PALMARÈS SINGOLARE

11 ottobre 2004, BA-CA TennisTrophy, Vienna, Cemento (i), batte Guillermo Cañas, 6-4 / 1-6 / 7-5 / 3-6 / 7-5

7 febbraio 2010, SA Tennis Open, Johannesburg, Cemento, batte Stéphane Robert 7-5 / 6-1

22 giugno 2013, AEGON International, Eastbourne, Erba, batte Gilles Simon 7-6 / 6-7 / 6-0

21 giugno 2014, AEGON International, Eastbourne, Erba, batte Richard Gasquet 6-3 / 6-7 / 7-5

24 luglio 2016, J. Safra Sarasin Swiss Open Gstaad, Gstaad, Terra rossa, batte Robin Haase, 6-4 / 7-5

25 giugno 2017, AEGON Championships, Londra, Erba, batte Marin Čilić, 4-6 / 7-6 / 7-6

23 giugno 2019, Fever-Tree Championships, Londra, Erba, batte Gilles Simon, 6-2 / 6-7 / 7-6

DOPPIO

In doppio, Feliciano Lopez ha conquistato lo Stockholm Open del 2004 (in coppia con Verdasco); nel 2016 il Qatar ExxonMobil Open e il Roland Garros (in coppia con Marc Lopez); nel 2018 il torneo di Barcellona; e, infine, nel 2019 il Fever-Tree Championships (in coppia con Andy Murray).

LOPEZ, L’ERBA, IL CEMENTO E LA TERRA ROSSA

Lopez è uno spagnolo atipico, poiché non ha nella terra battuta la sua superficie preferita. Sui campi verdi ha colto quattro dei suoi sette titoli ATP. In merito ha dichiarato:

“Penso che i miei colpi siano fatti apposta per l’erba”.

Pure sul cemento ha sempre dimostrato di saperci fare, conquistando sei finali e due tornei:

“Prima di spostarmi a Barcellona a quattordici anni e iniziare a giocare su terra, vivevo a Madrid. Nella Capitale mi allenavo su campi in cemento ogni giorno, inoltre le condizioni lì erano molto rapide a causa dell’altitudine”.

Mentre sulla terra rossa ha disputato 271 partite in singolare: 138 vittorie e 133 sconfitte. A Gstaad il suo unico trionfo su tale superficie, cinque anni fa.

IL 2021

In questo inizio 2021, finora ha giocato 9 partite in singolare. Lo score ammonta a sei sconfitte e tre vittorie. Da ricordare la straordinaria rimonta di cui si è reso protagonista nei confronti di Sonego, sullo scenario degli Australian Open. Lo spagnolo ha recuperato due set di svantaggio al torinese, andandosi a imporre al quinto. Mentre, l’ultima partita da lui giocata è stata sull’argilla di Marbella l’8 aprile, con l’incrocio generazionale con Carlos Alcaraz Garfia, vinto dal millennials in tre set. Ma, a proposito di scontri generazionali…

LO SCONTRO GENERAZIONALE

Quello tra Feliciano Lopez e Lorenzo Musetti è un vero e proprio scontro generazionale. Tra i due passano quasi 20 anni di differenza e non vi è alcun precedente. I trentaduesimi della manifestazione di Barcellona saranno il loro primo confronto.

Saranno l’esperienza e la classe dell’iberico o la spregiudicatezza e il talento dell’azzurro ad avere la meglio?

DOVE GUARDARE IL TORNEO ATP 500 DI BARCELLONA IN TV E STREAMING

La copertura televisiva del torneo di Barcellona sarà affidata a SuperTennis (canali 64 del digitale terrestre e 224 di Sky), con live streaming disponibile sul sito e sulla pagina Facebook ufficiali dell’emittente menzionata. A detenere i diritti anche Sky, che sui canali Sky Sport Arena, Sky Sport Uno e Sky Sport Collection offrirà tutte le partite in diretta. Gli abbonati potranno inoltre seguire il torneo in streaming su SkyGo.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply