Memorie di Adriano, che emozioni oggi a Parigi

0
Poche cose nella vita sono difficili da raccontare come rivivere esattamente la stessa emozione a tanti anni di distanza. A noi, e ai nostri più o meno coetanei innamorati di tennis, è accaduto ieri sul 3-3 nel primo set del meraviglioso quarto di finale del Roland Garros, da sempre il “campionato del mondo” sulla terra rossa, quando l’incantevole Lorenzo Musetti piazzando di là una palla debole che Nole Djokovic ha alzato in lob incrociato.

Allora Musetti si è voltato, si è inarcato, è saltato, ha colpito di rovescio al volo incrociando: è la “veronica” che la nostra generazione ha amato tanto perché il più bravo a farla si chiamava Adriano Panatta, il nostro idolo, che giusto 46 anni fa vinceva a Parigi bissando il trionfo di qualche giorno prima a Roma. Lorenzo non ha passato gli ottavi contro un avversario troppo più forte, si sapeva, ma per i primi due set ci ha fatto chiedere che partita stessimo vedendo: una goduria per chi ama il tennis quel suo variegare colpi sempre di alto livello tecnico.

In quel preciso istante, noi abbiamo rivisto in campo Adriano, persino la maglietta blu (Nike per Musetti, Lacoste per Panatta), i suoi capelli lunghi e il suo movimento pieno di classe – “il bell’italiano”, lo chiamavano a Parigi – ed è stata, sul serio, una sensazione persino commovente come solo il gioco della memoria sa produrre. Poi abbiamo visto tanti altri colpi di Lorenzo il Magnifico degni di figurare nell’album del grande tennis italiano, con certe palle corte che erano il marchio di Nicola Pietrangeli, alcuni tocchi di rovescio alla Paolo Bertolucci.

Ma Musetti, questo ragazzo che è già adesso un dei più grandi tennisti del mondo, pur perdendo contro un signore che ha une testa e un fisico con pochi eguali nella storia del tennis e che si chiama Nole Djokovic, ci ha fatti rivivere le gesta del più amato tennista italiano. Tanti anni dopo, sul centrale del Roland Garros hanno rivissuto le memorie di Adriano.
Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply