“La prima cosa è il rispetto. Qualsiasi discriminazione mi infastidisce”. Sinner a cuore aperto su GQ

0

Una delle riviste più famose in Italia e nel mondo, molte belle foto d’autore e una partnership commerciale. Non è solo questo l’intervista che Jannik Sinner ha concesso a GQ Italia: è una chiacchierata molto profonda, a volte intima, con l’astro nascente del tennis, non solo italiano.

Una chiacchierata in cui Sinner ha parlato di tante cose, e che potrete trovare e leggere in forma integrale sul numero di GQ Italia di luglio agosto (qui tutte le info). “Il silenzio delle mie valli adesso a volte mi manca. È bello tornare a casa e respirare un’aria diversa. Mi bastano un paio di giorni e mi rigenero”, ha detto il 19enne di San Candido a proposito delle sue origini.

Un ragazzo, Jannik, che la sua terra l’ha lasciata molto presto – così come lo sport con cui è cresciuto, lo sci – per fare rotta su Bordighera, estrema Liguria Occidentale, unirsi all’accademia di Riccardo Piatti e fare del tennis la sua vita. “Non ho mai pensato di tornare indietro – ha spiegato Sinner a GQ – malgrado fosse molto dura. Ero determinato. Passate due ore dal mio arrivo ho chiamato i miei. E la mamma già stava dicendo a mio padre: ‘Ecco, lo dobbiamo andare a riprendere’. Invece, io volevo rassicurarli: sto bene, buon ritorno a casa”

Un rapporto molto forte, quello di Jannik con la sua famiglia e la sua terra: “noi gente di montagna siamo un po’ diversi. Per noi la cosa migliore è lavorare, andate dritto all’obiettivo senza perdere troppe energie. La prima cosa è il rispetto, per gli altri e per se stessi. Ciascuno di noi è uguale. La discriminazione di ogni tipo mi infastidisce: io ho avuto la fortuna di avere dei genitori che mi hanno trasmesso molto“.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply