spot_img
spot_img

Chi è Botic Van de Zandschulp, l’olandese che ha imparato a volare
C

Gli US Open 2021 hanno finora regalato storie molto romantiche, come quella di Seppi, per dirne una, e sorprese davvero interessanti. Tra queste ultime rientra sicuramente Botic van de Zandschulp. Andiamo a scoprire chi è il giocatore olandese che tanto sta stupendo sul cemento americano.

CHI È BOTIC VAN DE ZANDSCHULP

Botic van de Zandschulp è nato a Wageningen, in Olanda, il 4 ottobre del 1995. È un professionista della racchetta dal 2013 e in carriera ha finora messo in bacheca diversi titoli ITF e un Challenger (2019). Un tennista normale, non un predestinato, forse anche mediocre, si sarebbe detto alle Idi di questo 2021. Poi è arrivata la prima vittoria in un match a livello Atp e la sua storia è cambiata. Andiamo a scoprire come.

LO STRAORDINARDIO 2021 DI VAN DE ZANDSCHULP

Botic van de Zandschulp ha iniziato il 2021 qualificandosi per gli Australian Open. Ha battuto Musetti, Menezes e Bourgue, prima di essere sconfitto all’esordio nel main draw da Carlos Alcaraz. Poi, al torneo di Adelaide si è spinto fino ai quarti, dove si è arreso a Karen Khachanov. Successivamente ha collezionato cinque eliminazioni: nel secondo turno di quali a Montpellier, al primo turno dell’Atp di Rotterdam, al terzo turno di quali ad Acapulco (ritiro), al secondo turno di quali a Barcellona e, infine, al primo turno di quali a Estoril. Quindi, è tornato a disputare Challenger, con risultati abbastanza positivi: a Zagabria è arrivato ai quarti e a Oeiras agli ottavi.

In seguito, si è tuffato sulla terra rossa parigina per tentare l’accesso al tabellone principale del Roland Garros. Qui, ha sconfitto Mayer, Guinard e Marchenko, regalandosi Hubert Hurkacz al primo turno della prestigiosa competizione francese. Contro il polacco, Botic, era sotto di due set, ma è riuscito con una clamorosa rimonta a guadagnarsi l’accesso ai trentaduesimi al cospetto di Davidovich Fokina. Anche con lo spagnolo il venticinquenne ha sfiorato l’impresa: ha recuperato due parziali di svantaggio, senza però poi riuscire ad avere la meglio al quinto set.

La stagione sull’erba è cominciata con un’eliminazione alle quali del Queen’s, ma a Wimbledon è arrivato il riscatto: estromessi Lorenzi e Celikbilek, l’olandese è stato fatto fuori nell’ultimo turno di qualificazioni da Trungelliti, salvo poi essere ripescato. Sul verde londinese, ha sfruttato al meglio questa opportunità vincendo all’esordio contro Barrere e impressionando contro Berrettini nonostante la sconfitta.

Tornato sull’argilla, ha conquistato la finale al Challenger di Amersfoort, la semifinale al Challenger di Tampere, i quarti al Challenger di Poznan e altre due semifinali ai Challenger di Liberec e Meerbusch.

Quindi è volato negli States per il sogno chiamato US Open.

GLI US OPEN 2021: UNA MARATONA

Sul cemento newyorkese, Botic van de Zandschulp sta compiendo una vera e propria maratona, visto che è partito dal primo turno di qualificazioni ed è arrivato ora ai quarti di finale. Nella fase preliminare, ha vinto su Barrios Vera, Shelton e Couacaud. Entrato nel main draw, ha battuto Taberner, Ruud, Bagnis, Schwartzman. Un filotto incredibile che gli è valsa la sfida al numero due del mondo Daniil Medvedev.

LA CRONOLOGIA DEL RANKING

Van de Zandschulp nel 2016, a 21 anni, era numero 402 del ranking Atp. Tutto lasciava presagire che presto si sarebbe attestato a livelli più importanti. Nel 2017, invece, ha chiuso la stagione alla posizione 459, mentre nel 2018 ancora peggio: 537. Nel 2019, anno in cui ha vinto il suo primo ed unico Challenger, è salito alla piazza 198. Infine, ha terminato il 2020 da 156esima forza del Circus, andando a riacciuffare finalmente quella dimensione alla quale si pensava potesse appartenere. L’olandese è attualmente numero 117 del mondo, ma si prevede una grande scalata dopo i risultati ottenuti a Flushing Meadows, almeno a ridosso della top-60.

CARATTERISTICHE E CURIOSITÀ

Caratteristiche – Essendo alto 1.91 m e pesando 85 kg, van de Zandschulp ha tutti i requisiti per rientrare nel novero dei ‘tennisti moderni’. È destrorso e gioca un rovescio a due mani. È dotato di un buon servizio e questo lo rende un giocatore estremamente temibile sulle superfici veloci, come dimostrano i suoi exploit a Wimbledon e New York. Ma, anche tirando molto forte, l’olandese riesce ad essere ugualmente molto preciso. Inoltre, è dotato di un grande autocontrollo, qualità che lo fa rimanere lucido nei momenti chiave della partita (qui si spiegano le rimonte). Sa giocare bene da fondo campo e il suo colpo migliore è il dritto, anche se esegue egregiamente anche il rovescio.

Curiosità – I suoi genitori si chiamano Jan e Ingrid, ed ha un fratello di nome Melvin. In una recente intervista ha dichiarato che Melbourne è la sua città preferita del Tour. Ama guardare film e serie tv, con “Il Gladiatore” e “Suits” tra i suoi preferiti. Inoltre, è un grande appassionato di sport e di calcio in particolare. L’Ajax è la sua squadra del cuore.

DOVE VEDERE GLI US OPEN IN TV E STREAMING

Gli US Open 2021 saranno trasmessi in esclusiva su Eurosport 1 ed Eurosport 2. Anche gli abbonati a DAZN e Tim Vision avranno a disposizione i due canali lineari di Eurosport 1 ed Eurosport 2. E’ possibile anche usufruire dell’offerta, iscrivendosi alla piattaforma Discovery+.

>>> Guida: Borse e zaini da tennis, prezzi e consigli per l’acquisto

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img