spot_img
spot_img

Il giorno in cui Novak Djokovic è entrato nel cuore della gente
I

“Ho vinto comunque, ho il cuore gonfio di gioia e di emozione per quello che mi avete dato oggi. Non ho mai sentito questo supporto a New York”. Ecco, tralasciando il comportamento a tratti vergognoso del pubblico americano, le parole di Novak Djokovic dopo aver perso la finale degli US Open contro Daniil Medvedev trasmettono tutto quello che è successo nella serata di Flushing Meadows.

Ed è successo che, nel giorno della sconfitta più dura, nel giorno in cui il serbo manca l’obiettivo di una carriera e di una vita, ne centra un altro, forse meno importante a livello statistico, sicuramente meno prestigioso, ma decisamente significativo, soprattutto per quella che è stata la sua storia sui campi di tutto il mondo: il numero uno del mondo, l’uomo dei record, a 34 anni è finalmente entrato nel cuore dei tifosi.

E non è un caso che tutto questa succeda nel momento in cui anche Novak, la macchina, il computer, l’infallibile, dimostri invece di essere umano, come tutti. Non solo sul campo, dove non è riuscito a domare quel “cavallo” purosangue che ha dimostrato di essere Daniil Medvedev, ma anche a bordo campo, dove si è lasciato andare, coperto dalla barriera del suo asciugamano, ad un pianto inconsolabile che mostrato al mondo quando la pressione possa incidere anche sul campione più vincente della storia del tennis.

E anche il modo in cui ha accettato la sconfitta, riconoscendo i meriti – indiscutibili – dell’avversario, ha fatto vedere il lato da “signore” di Novak. Insomma, per lui, abituato per una vita a giocare con il pubblico “contro”, schierato con i suoi rivali di sempre Roger Federer e Rafael Nadal, aver abbattuto quel muro proprio nel giorno della delusione più cocente, vale comunque come una vittoria.

E forse, ma lo diciamo a bassa voce, quel pubblico così a favore ha scalfito le certezze di chi, per una carriera, è stato abituato a fare del tifo contrario la sua linfa vitale.

Il pubblico acclama, Nole non riesce a trattenere le lacrime

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img