Djokovic, il caso Australia fa ancora male. E le sue parole lo dimostrano

0

Novak Djokovic è tornato a parlare sul caso Australia. Il serbo, in un’esclusiva intervista con Sport Klub, ha riempito di particolari la vicenda che finora non aveva mai avuto il suo punto di vista completo.

Djokovic e le critiche sull’operato

Novak Djokovic ha stupito tutto il mondo con l’intervista rilasciata alla BBC dopo la sua esclusione dall’Australian Open. Se possibile, quella con Sport Klub è ancora più clamorosa.

Mi hanno dipinto come un mostro in Australia. Mi hanno umiliato a livello mondiale, posso dirlo. Questo è perché è importante avere sempre l’opportunità di dire qualcosa. Se qualcuno mi vorrà chiedere, sarò felice di rispondere.

Per me, lo sport è sempre stato sopra la politica. Alcuni credono che io abbia politicizzato tutta la vicenda, che sia deliberatamente entrato in Australia per attirare l’attenzione. Credono che mi interessi più la politica che lo sport. Purtroppo per loro, l’opposto è la verità. Me ne sono andato perché sono un atleta. Me ne sono andato anche se l’Australian Open è il torneo che ho vinto più spesso. Volevo rispettare i miei colleghi ed è per questo che non ho parlato subito dopo la vicenda.

Non posso cancellare dalla mia memoria ciò che è successo. Tutto è ancora così fresco. È stato un precedente in ogni senso. Posso accettarlo e andare avanti. Quello che sicuramente non sentirete o vedrete da me è scappare dalle responsabilità e dal desiderio di rispondere a qualsiasi domanda. Non devo nascondere nulla, non scappo”.

Perché la BBC

In seguito, il serbo ha spiegato i motivi dell’intervista con la BBC.

Se avessi chiamato qualcuno con cui ho buoni rapporti, tutti avrebbero detto ‘Ecco qui, si è sistemato un’intervista così non possono fargli domande spinose, può fuggire da risposte imbarazzanti e può nascondere qualcosa’. Questo è il motivo principale per il quale ho chiamato la BBC. Quelli che mi hanno criticato di più potevano venire e chiedermi qualsiasi cosa”.

Sono come tutti gli altri

Nella parte finale dell’intervista, Djokovic ha voluto rimarcare il fatto che per lui non è stata fatta alcuna eccezione.

Ho fatto tutto ciò che mi era stato chiesto di fare. Ero nella stessa posizione degli altri giocatori. Vedo che c’è una credenza che io sia un privilegiato e abbia ricevuto l’esenzione perché sono chi sono. Dirò qualcosa che la BBC ha tagliato e che non mi stancherò di dire come un pappagallo: tutti hanno avuto la stessa esenzione.

Dieci giorni prima che arrivassi in Australia, una giocatrice della Repubblica Ceca e un coach croato sono entrati nella nazione con la stessa esenzione. Lei ha giocato un torneo e lui ha allenato il proprio giocatore. Non ci sono stati problemi. All’improvviso i problemi sono iniziati da quando sono arrivato io. Perché? Spiegatemelo”.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply