I cinque giocatori con il ranking più basso ad aver vinto il Roland Garros

0

Il tennis è fatto di grandi imprese. Non solo di quelle dei giocatori più famosi e vincenti, ma spesso anche dei cosiddetti underdogs, gli inattesi, gli sfavoriti. Oggi vi vogliamo presentare i cinque giocatori con il ranking più basso ad aver vinto lo slam parigino.

#5 Mats Wilander (1982, 18)

Lo svedese, all’esordio nello slam parigino del 1982 a poco più di 17 anni, sconvolge tutto il mondo a suon di prestazioni epiche. Mats, ai nastri di partenza con il numero 18 del ranking Atp, batte al quarto turno uno dei favoriti alla vittoria, Ivan Lendl, in cinque incredibili set. Poi le vittorie su Vitas Gerulaitis (finalista del 1980) e sul campione del 1977, Guillermo Vilas, in finale.

#4 Michael Chang (1989, 19)

L’americano è il più giovane di sempre ad aver ottenuto una vittoria slam proprio al Roland Garros 1989. Si presenta al torneo come numero 19 del mondo e, nella sua strada, ha la meglio su Ivan Lendl (famoso il servizio da sotto che da lì in avanti diventerà un colpo usato da molti tennisti) e su Stefan Edberg (in entrambi i casi con incredibili rimonte).

#3 Albert Costa (2002, 22)

Lo spagnolo nel 2002 riesce in un’impresa che molti non avrebbero potuto mai immaginare. Da numero 22 del mondo mette in fila avversari di grande spessore come Gustavo Kuerten, Guillermo Canas, Alex Corretja e Juan Carlos Ferrero prima di alzare al cielo il più importante titolo della propria carriera.

#2 Gaston Gaudio (2004, 44)

Due anni più tardi siamo di fronte ad un nuovo incredibile campione. L’argentino numero 44 del ranking arriva a Parigi contro ogni pronostico (una seconda settimana in quattro apparizioni). Nei primi due turni fatica moltissimo e riesce a vincere solo al quinto set. Nella seconda settimana, però, sembra un altro giocatore ed ottiene vittorie di spessore, come quella su David Nalbandian in semifinale. Nel primo derby argentino della storia nella finale del Roland Garros, contro Guillermo Coria, parte malissimo. Subisce un pesante bagel al primo set e vince un game nel successivo. La svolta c’è nel terzo parziale sul 44: servizio Gaudio 0-40. Da lì in poi l’argentino si trasforma, annulla due matchpoint al quinto set e conquista una vittoria irreale.

#1 Gustavo Kuerten (1997, 66)

Sicuramente una delle storie più romantiche e belle degli slam. Guga arriva a Parigi da numero 66 del mondo e spera in qualche vittoria per risollevarsi in classifica. Arriva magicamente in semifinale riuscendo a sconfiggere a suon di cinque set avversari nettamente favoriti alla vigilia (Thomas Muster, Andrei Medvedev e Yevgeny Kafelnikov). L’appuntamento con la storia arriva dopo la semifinale con Filip Dewulf e la finale con Sergi Bruguera.

Share.

Leave A Reply