Qualificazioni Wimbledon, bicchiere mezzo vuoto per l’Italtennis nella prima giornata

0

Quest’oggi è andata in scena la prima tranche di match validi per le qualificazioni maschili a Wimbledon 2022. Bilancio non positivissimo per l’Italtennis: dei sedici giocatori azzurri scesi in campo durante la giornata, solo sei hanno guadagnato l’accesso al secondo turno del tabellone cadetto.

Wimbledon, il bilancio azzurro dopo la prima giornata di qualificazioni

La giornata azzurra di qualificazioni al prestigioso torneo londinese si è aperta intorno alle ore 12 con due match: Lorenzo Giustino è stato nettamente battuto dal kazako Mikhail Kukushkin (6-2 6-1), mentre Salvatore Caruso si è imposto in rimonta sullo slovacco Filip Horansky (3-6 6-1 6-4).

Poco più tardi, è stata la volta di Andrea Pellegrino, Stefano Travaglia, Andra Vavassori, Federico Gaio e Thomas Fabbiano. Il pugliese ha superato il croato Nino Serdarusic per 6-3 7-5; Steto si è arreso al brasiliano Joao Menezes per 6-3 6-4; il torinese ha avuto la meglio dello statunitense Bradley Klahn per 6-7 6-2 6-3; l’emiliano ha estromesso Yuichi Sugita per 6-4 6-2 e, infine, il tascabile classe ’89 ha perso a sorpresa con la giovane Wild Card britannica Arthur Fery (6-4 6-2).

flavio cobolli

Foto Instagram Cobolli

Nel primo pomeriggio, invece, il movimento nostrano ha accumulato soltanto delusioni: Franco Agamenone ha ceduto il passo al tedesco Cedrik-Marcel Stebe (7-6 6-4); Matteo Arnaldi è stato sconfitto dal portoghese Nuno Borges (6-3 6-7 6-2); Flavio Cobolli si è reso protagonista di un tonfo clamoroso al cospetto del modesto argentino Nicolas Kicker (6-2 6-1); altrettanto deludente è stato il sonoro k.o incassato da Alessandro Giannessi per mano di Hugo Grenier (6-1 6-1).

Poi ci hanno pensato l’eterno Andreas Seppi e Roberto Marcora a strappare un sorriso all’Italtennis. Il sempreverde altoatesino ha ottenuto un bella vittoria sul bosniaco Mirza Basic (6-2 4-6 6-0). Il varesino al contrario ha perso, ma ad emozionare è che quello di oggi potrebbe rivelarsi il suo addio al professionismo (ha partecipato alle qualificazioni grazie al ranking protetto, ma non giocava da sette mesi).

Gli ultimi rappresentanti del Bel Paese a calcare l’erba di Londra per oggi sono stati Giulio Zeppieri, Andrea Arnaboldi e Riccardo Bonadio. Brutte notizie anche dal fronte Zeppo: il Next Gen laziale ha lottato ma non ce l’ha fatta, al secondo turno ci è andato il tedesco Daniel Masur (7-6 4-6 6-3). Per quanto riguarda il milanese e il romano, erano opposti in un derby e l’ha spuntata Bonadio per 4-6 7-6 7-5.

Dove vedere le qualificazioni a Wimbledon

I match di qualificazione a Wimbledon 2022 sono trasmessi in diretta su Sky Sport (previo abbonamento).

Share.

Leave A Reply