US Open: scoppia il caos attorno all’evento per l’Ucraina

0

È scoppiato il caos attorno all’evento di beneficienza organizzato dallo US Open in supporto dell’Ucraina. Tra le tante stelle che dovevano partecipare ieri al Tennis Plays for Peace, Victoria Azarenka, che aveva dato disponibilità a giocare, è stata esclusa perché bielorussa. Durissima la replica di Marta Kostyuk, che ha ammesso di aver rifiutato di giocare proprio perché era stata invitata l’ex numero 1 del mondo.

Le polemiche non si placano

Dopo il caso del bandiera-gate al masters1000 di Cincinnati, sembrano non placarsi più le polemiche tra tennisti ucraini e russi/bielorussi. Questa volta, però, si è andati oltre.

Sì, perché l’ex numero 1 del mondo Azarenka, che fin da subito si è schierata a favore dell’Ucraina condannando l’operato della sua patria, è stata esclusa da Tennis Plays for Peace. Eppure, era stata proprio Vika a proporsi per giocare durante l’evento benefico. Un segnale forte di fratellanza, che solo lo sport (in questo momento) avrebbe potuto dare.

Al contrario di come ci si sarebbe dovuti aspettare, è arrivato presto il dietrofront dello US Open. Al fianco di stelle del presente e del passato come Rafael Nadal, Coco Gauff, John McEnroe, Carlos Alcaraz, Leylha Fernandez e Iga Swiatek, non ci sarebbe stato posto per la due volte campionessa slam. Il motivo? Il suo paese di provenienza.

Dopo attente valutazioni e dialoghi fatti nelle ultime 24 ore con tutte le parti in causa, Victoria Azarenka non parteciperà al nostro Tennis Plays for Peace di questa sera. Vika è una tennista forte e abbiamo apprezzato la sua volontà di prendere parte all’evento. Data la sensibilità dei giocatori ucraini e del conflitto che sta andando avanti, crediamo che questa sia la scelta giusta”.

A fare eco al comunicato degli organizzatori, sono arrivate le durissime parole della Kostyuk, che ha affermato di non aver voluto partecipare proprio per la presenza di una tennista bielorussa.

Certo che ho ricevuto l’invito. Credo che tutti i giocatori l’abbiano ricevuto. Quando io e Lesya Tsurenko, parlo per noi perché non abbiamo sentito altri tennisti, abbiamo scoperto che ci sarebbero stati anche tennisti russi e bielorussi all’evento, ho detto immediatamente che non avrei preso parte.

Non capisco il motivo del perché abbiano chiamato Victoria Azarenka. Non capisco perché lei voleva partecipare, conoscendo il tipo di rapporto che ha con tutti noi. Non ha buoni rapporti con noi”.

Share.

Leave A Reply