Morte regina Elisabetta, le condoglianze di Nadal dividono il web

0

La notizia della morte della regina Elisabetta ha scosso tutto il mondo, compresi i protagonisti del circuito professionistico di tennis. Tra i tanti che hanno voluto lasciare un messaggio di condoglianze c’è stato Rafael Nadal, che ha diviso i fan del web per il suo omaggio.

Parole fuori luogo o semplice omaggio?

Dopo 70 anni di regno, la regina Elisabetta si è spenta nella sua tenuta scozzese di Balmoral. La regina, da sempre vicina al tennis, è stata omaggiata da diversi protagonisti attuali e passati del tour come Billie Jean King, Maria Sharapova, Roger Federer e Nadal.

Proprio il messaggio di condoglianze dello spagnolo ha creato divisioni nel popolo di Twitter.

Le mie più rispettose, sincere e sentite condoglianze alla famiglia reale di Gran Bretagna, al Nord Irlanda e ai britannici per la scomparsa di sua altezza la regina”.

Ecco le reazioni degli appassionati.

L’Irlanda sta festeggiando caro! Nadal non dovrebbe celebrare il lutto di una colonizzatrice. Un altro motivo per cui Djokovic è il GOAT”.

Tutti siamo addolorati. Condoglianze alla famiglia reale. Deve essere stato un onore incontrarla di persona. Dio sicuramente l’ha tenuta al meglio nei suoi 70 anni come regina. Riposa in pace sua altezza la regina”.

Per tua informazione, quelli a cui riguarda l’argomento sono coloro che stanno ancora soffrendo le sue dirette implicazioni, quelli che non rifiutano, rimangono zitti e supportano lo status quo. Lei incarnava l’ultima figura forte di colonizzatrice, supremazia e schiavitù… Fatti”.

Questo è il motivo per cui lui e Federer sono i migliori. Dove sono le condoglianze di Novax Jokerbit*h?”.

>> Le migliori racchette da tennis del 2022, marca per marca

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply