Patrick McEnroe, Roger Federer e quella vittoria troppo veloce

0

Patrick McEnroe, campione del Roland Garros ’89 in doppio e fratello di John, ha raccontato un curioso aneddoto su Roger Federer. Il commentatore sportivo ha parlato di quando, nel 2014, lo svizzero ha dovuto riempire il buco lasciato dalla scarsa durata della partita con un’interminabile intervista.

La vittoria troppo veloce

Nella sua incredibile carriera, Federer ha portato a casa la bellezza di 103 titoli Atp. Finali sicuramente molto combattute, trionfi storici, ma anche partite vinte in maniera netta, lasciando pochissimo spazio di azione agli avversari.

McEnroe, in una recente intervista con ChangeOver Chat, rubrica di Tennis One, ha voluta raccontare un episodio del 2014. Il commentatore doveva fare delle domande al maestro al termine della sua finale. Dove sta la curiosità? Roger aveva vinto troppo in fretta la partita e si è trovato a riempire il buco televisivo insieme a Patrick in un’intervista che è diventata lunghissima.

Allora, mi sono seduto insieme a Roger sulla panchina. Lui stava ancora stringendo mani in giro e la folla era incredibile. Si erano tutti alzati per la cerimonia di premiazione, in quel momento si ha un po’ di tempo libero e la CBS aveva fatto partire le pubblicità. Mi ero tolto l’auricolare e il microfono e l’avevo messi da parte. Allora mi sono rivolto verso Federer e gli ho detto ‘Roger, sai che hai finito il match troppo in fretta e adesso devi occupare il tempo con un’intervista molto lunga?’.

Lui allora si è girato ed ha esordito dicendomi ‘Sai che sono stato il tuo raccattapalle a Basilea?’. Da lì è stato tutto più facile, avevamo già la storia da raccontare”.

>> Le dieci migliori racchette da Padel del 2022, marca per marca

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply