Le cinque partite più difficili della carriera di Roger Federer

0

Roger Federer ha deciso di appendere la racchetta al chiodo al termine della prossima Laver Cup, in programma dal 23 al 25 settembre. Oggi vogliamo raccontarvi le cinque partite più difficili della carriera dello svizzero.

#5 US Open 2011 Djokovic v Federer (67 46 63 62 75)

Lo svizzero voleva vendicare la sconfitta dell’anno precedente con i match point non sfruttati. L’occasione si presenta in finale nel 2011. Roger riesce ad andare avanti di due set, ma si fa rimontare dal serbo. La grande occasione si presenta al quinto set, quando va avanti di un break, ma non riesce a sfruttare l’occasione.

È strano dover spiegare questa sconfitta perché mi sentivo che avrei dovuto fare la conferenza stampa per la vittoria”.

#4 Roma 2006 Nadal v Federer (67 76 64 26 76)

La partita più bella della storia del Foro Italico. Federer arriva con i favori del pronostico, ma Nadal ha tutto il sostegno del pubblico che l’ha letteralmente adottato. Lo svizzero ha due match point nel quinto set, ma se li vede annullare. Nel tie break va avanti per 5 a 3, ma poi subisce quattro punti di fila. Lo spagnolo parla così a fine partita.

Sono stato fortunato quando ha avuto i match point. Ha fatto due errori con il dritto, uno dei quali molto semplice per uno come lui”.

#3 Australian Open 2017 Federer v Nadal 64 36 61 36 63

I due tornano da un infortunio nel 2017 e nessuno si sarebbe potuto immaginare di trovarli entrambi in finale nel primo slam dell’anno. La partita è a dir poco fantastica, sempre in bilico grazie a due fenomeni. Alla fine, è Federer ad avere la meglio e portarsi a casa lo slam.

Credo che nessuno di noi avrebbe pensato di essere in finale oggi. Sono felice per te Rafa. Sarei stato felice anche se avessi perso, devo ammetterlo. Il ritorno è stato perfetto per entrambi”.

#2 Wimbledon 2009 Federer v Roddick (57 76 76 36 16-14)

La settima finale di fila dello svizzero lo vede opposto all’americano più in forma della sua carriera. In tutta la partita, Roddick non perde mai il servizio prima del quinto e decisivo set, dopo essere sopravvissuto ad undici turni di battuta per rimanere nella sfida. La chiave della partita per Roger? Il secondo set.

Credo che il secondo set sia stato la chiave per quello che è stato fino alla fine. Forse col risultato di 2 a 0 e con il servizio di Andy, sarebbe stato impossibile ribaltarla. Con la vittoria del secondo set, invece, le mie possibilità sono cresciute di molto”.

#1 Wimbledon 2019 Djokovic v Federer (76 16 76 46 13-12)

Qui parliamo di storia recente e forse della ferita più dolorosa per tutti i tifosi dello svizzero. Federer va per i 40 anni e tutti credono che il meglio sia già passato. A Wimbledon, però, il maestro torna ingiocabile e domina per larghi tratti la sfida contro uno dei migliori Djokovic degli ultimi anni. Al quinto set ha anche due maledetti match point, che non riesce a sfruttare per chiudere la carriera con la ciliegina sulla torta.

>> Le sette migliori racchette in circolazione per i colpi in top spin

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply