Casper Ruud ha vinto per la prima volta contro Rafael Nadal

0

Dopo due sconfitte in Argentina (Buenos Aires) e Brasile (Belo Horizonte), arriva finalmente la prima vittoria di Casper Ruud contro Rafael Nadal nella tournée sudamericana. Il norvegese, al termine della sfida, ha parlato di quello che l’aspetterò all’inizio del prossimo anno.

Gli obiettivi del 2023

Quest’anno è stata una costante: ogni volta che Nadal ha affrontato Ruud è uscito vincitore dalla contesa. È successo nella finale del Roland Garros (63 63 60) e nell’ultima sfida del round robin alle Atp Finals (75 75). Anche durante la tournée sudamericana che stanno giocando insieme, i primi due atti sono andati allo spagnolo, ma a Quito finalmente è arrivato lo squillo del norvegese. Casper, infatti, si è imposto per la prima volta con il risultato di 64 64.

Un punteggio importante che dà buone sensazioni per le prossime sfide a Bogotà (Colombia), Città del Messico (Messico) e per la prossima stagione in generale.

In questa stagione non sono stato in grado di giocare l’Australian Open; quindi, per me sarà come una rivincita e spero vivamente di poter fare bene. Non vedo l’ora di andare in Australia, sperando di ottenere buoni risultati. Non vedo l’ora di iniziare una nuova stagione e di poter tornare a giocare i cinque set. Sono affamato per ottenere un buon risultato anche lì e sono curioso di vedere come andranno le cose il prossimo anno.

Ci saranno un sacco di punti da difendere dopo l’Australia. Spero di riuscire nell’impresa e di fare ancora meglio. Non sarà facile il prossimo anno perché in questa stagione ho giocato molto bene. Il mio obiettivo, però, è quello di fare ancora meglio”.

>> I dieci migliori grip per le vostre racchette

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply