spot_img
spot_img

Ennesimo forfait di Kyrgios, ora il ritiro è più che un’ipotesi
E

La notizia era nell’aria da quando aveva deciso di non usufruire del ranking protetto per un posto in tabellone. Da qualche ora è diventata anche ufficiale: Kyrgios non parteciperà all’edizione 2024 dell’Australian Open. Il motivo del forfait è molto semplice: reduce dall’operazione al ginocchio e dall’infortunio al polso rimediato durante la preparazione a Wimbledon, Nick non si sente ancora pronto per competere ad alti livelli.

L’annuncio –  Ho avuto un anno davvero difficile a causa dell’infortunio, ho subito l’intervento al ginocchio e sono tornato un po’ troppo presto, il che mi ha fatto rallentare un po’ e ho avuto alcuni problemi al polso. Non posso partecipare all’Australian Open. Sono molto deluso, ho tanti ricordi straordinari qui (a Melbourne, ndr). Voglio tornare a giocare e farlo al massimo, ma mi serve più tempo”, si legge sul profilo OnlyFans del nativo di Canberra.

L’Australian Open da commentatore, e poi? Ombre sul futuro di Kyrgios

Wimbledon, Kyrgios esalta Berrettini. E lo brucia…
Foto Atp Tour

Senza ranking dal mese di ottobre, Kyrgios sarà comunque a Melbourne nelle vesti di commentatore delle partite. Sì, ma poi? Nick ha spesso dichiarato che la sua volontà è quella di tornare a competere ad alti livelli. Altrettanto spesso, tuttavia, ha affermato che il tennis professionistico non farà parte della sua vita ancora a lungo. Un’affermazione che, assieme ai continui forfait, ha suscitato in molti il sentore che Nick possa annunciare il ritiro già nei prossimi mesi.

Ne è convinto, ad esempio, l’esperto di tennis Brett Philips. Le ferite lo hanno segnato. Penso che farà fatica a tornare, ad essere onesto”, ha detto il noto conduttore in una recente intervista. Poi ha aggiunto: “C’è una miriade di cose che può fare. Recentemente si è dilettato nella telecronaca ed è andato bene. Sappiamo che è una persona intelligente e con le basi che ha potrebbe essere molto richiesto”.

Il conduttore televisivo ha poi rafforzato la sua tesi del ritiro imminente tirando in ballo un tema trattato poc’anzi: “Kyrgios ha 28 anni e ha sempre detto che non avrebbe giocato fino ai 30 anni. Credo che questi infortuni, al ginocchio, al polso, siano i peggiori che si possano avere nel tennis. Del Potro non è riuscito a recuperare da un infortunio al polso, Roger Federer non è riuscito a riprendersi da un paio di interventi al ginocchio… le esigenze fisiche del tennis sono altissime”.

Philips, infine, ha concluso la sua analisi affermando che l’australiano potrebbe non riuscire a stare al passo dei top del circuito: “Il suo servizio potrebbe renderlo ultra competitivo, ma la fisicità non è mai stato il punto forte di Nick. Penso che più a lungo starà fuori, più sarà difficile per lui tornare in campo. Se ha davvero il desiderio di farlo, dovrà essere un professionista al 100%, cosa che finora non gli è mai riuscita”.

Insomma, sono tanti gli aspetti che gettano ombre sul futuro dell’estroso tennista australiano. I prossimi mesi ci diranno sicuramente di più.

1 commento

  1. Hello, Neat post. There is a problem together with your site in web explorer, may test thisK IE nonetheless is the marketplace leader and a big component to other people will miss your magnificent writing due to this problem.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img