“I paragoni con Federer hanno condizionato negativamente la mia carriera”

0

In questi anni ne abbiamo sentite tante. Il “nuovo Federer”, il “nuovo Nadal” e il “nuovo Djokovic” sono passati il più delle volte per il circuito senza lasciare grandi tracce. Le vittime della voracità agonistica del Big Three nelle ultime due decadi sono state molteplici.

Se pensiamo che, insieme, Roger, Rafa e Nole hanno vinto 57 degli ultimi 75 tornei del Grande Slam, dal 2003 ad oggi. Una cosa che si fa fatica anche solo a pensare.

Tra i tanti che, almeno per il momento, hanno dovuto abbandonare i sogni di gloria c’è anche Borna Coric. In una recente intervista il 24enne croato ha ammesso che “il fatto di essere stato paragonato a giganti come Federer, Nadal e Djokovic, per ora, non ha giovato alla mia carriera”.

“Non che senta delle pressioni particolari – ha continuato il nativo di Zagabria – però le previsioni che erano state fatte per la mia carriera al momento si sono rivelate irrealistiche e alla lunga potrebbero finire per pesare come successo ad altri tennisti”.

Si pensi, per esempio, a Grigor Dimitrov, per fare un nome. Da sempre considerato l’erede naturale di Roger Federer, il bulgaro, ormai quasi trentenne, è ancora a mani vuote a livello Major e conta come unico grande trionfo una vittoria alle Atp Finals.

Le 10 migliori racchette da tennis per cominciare (per bambini, ragazzi e adulti)

Share.

Leave A Reply