La confessione di Benoit Paire: “Non ero pronto a giocare così…”

0

Benoit Paire prende parte al prossimo Astana Open in Kazakhstan, uno dei quattro tornei che l’Atp ha messo in programma quest’anno. Il francese a Ubitennis ha rivelato uno dei motivi per cui il suo ritorno nel circuito è stato a dir poco fallimentare: “Non ero pronto a giocare senza pubblico”.

Astana Open, l’ultima spiaggia per Paire?

L’Astana Open vede in tabellone un solo top30, Benoit Paire. Il francese è stato selezionato come n. 1 del seeding e proverà a migliorare gli scarsi risultati ottenuti da quando è rientrato in campo dopo esser risultato due volte positivo al Covid (US Open e Amburgo).

Quest’anno è stato buono all’inizio. Ho giocato la finale ad Auckland, mi sentivo bene in campo ed ero felice a giocare. Anche l’anno scorso è stato buono, ero quindi molto felice di come andavano le cose, ma poi è arrivato il Coronavirus e il lockdown in Francia. Sono dovuto rimanere a casa, senza muovere un muscolo”.

La possibile rinascita

L’Astana Open potrebbe rappresentare un’ottima occasione di rinascita del francese per concludere ciò che di buono ha fatto negli ultimi 24 mesi. Il Paire visto nelle uscite post pandemia è troppo brutto per essere quello vero.

Quando abbiamo ricominciato non ero pronto a giocare senza pubblico. Per me non è semplice, ma proverò a dare il massimo in Kazakhstan anche senza spettatori. Non ho la migliore delle preparazioni per questo torneo, non ho vinto molti match finora.

Se vinco una o due partite posso ambire al titolo. Non sono molto fiducioso, ma la fiducia potrebbe tornarmi con un paio di vittorie. Devo provare a divertirmi e giocare divertendomi. Questo è il mio obiettivo per il torneo. Anche se gioco male, non mollare e cercare di lottare fino alla fine. Non l’ho fatto da quando è ricominciato il tour a luglio”.

Le 10 migliori racchette da tennis per cominciare (per bambini, ragazzi e adulti)

Share.

Leave A Reply