spot_img
spot_img

“Ogni epoca ha bisogno di un cattivo. Djokovic è il cattivo di quest’epoca tennistica…”

In un recente articolo, Sam Groth ha delineato molto bene la figura del n. 1 del mondo: “Djokovic è il cattivo di quest’epoca”. Le polemiche continue intorno al personaggio, ultima quella sul presunto infortunio con Taylor Fritz (nonostante le successive vittorie con Raonic, Zverev e Karatsev), lo portano a conquistarsi il posto di vero e proprio DJoker del mondo del tennis.

La lucida analisi dell’australiano

Sam Groth ha ben spiegato la figura di Novak Djokovic, quasi il terzo incomodo tra Rafael Nadal e Roger Federer, alla costante ricerca dell’approvazione da parte del pubblico. Come in tutte le migliori storie, però, anche nel tennis ci deve essere il cattivo:

Djokovic prova continuamente a dare l’impressione che non gli importa di non essere amato dal pubblico, ma non sono convinto che questo sia vero. Non ha mai attirato tutto l’amore e la stima mondiale dei suoi due rivali, Nadal e Federer… ogni era ha infatti bisogno di un cattivo. Djokovic è il cattivo di quest’epoca tennistica. Lui ci è semplicemente diventato.

Sul campo, Novak è semplicemente meraviglioso, è di un altro livello. È il giocatore che più di tutti non vorresti dal tuo lato del tabellone. Fuori dal campo, però, non è mai riuscito a rendersi molto amato.

Per esempio, le persone non dubitano di un infortunio senza un valido motivo. Djokovic ha la fama di chi grida sempre ‘A lupo, a lupo’. Federer e Nadal avevano bisogno di un cattivo, ecco allora il DJoker serbo”.

Segui Tennis Fever su Telegram

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img