Zverev è furioso con l’Atp. Ecco il motivo delle sue accuse

0

Alexander Zverev è intervenuto sulla bolla di Miami, dichiarando: “È una vergogna”. Il tedesco, fresco vincitore dell’Atp 500 di Acapulco (senza perdere un singolo set) in finale con Stefanos Tsitsipas, si scaglia contro i capi della federazione.

La rabbia di Sascha

Già a Rotterdam era uscito allo scoperto attaccando organizzatori e federazione per la bolla. In quel caso, molto probabilmente, Zverev si era fatto distrarre troppo dalle polemiche ed era uscito al primo turno con Alexander Bublik. A Miami ci risiamo: giocatori nella bolla e nessun contatto con l’esterno. Situazione analoga agli Australian Open, quando il tedesco si era arreso ai quarti contro Novak Djokovic.

Alexander non le ha quindi mandare a dire e si è scagliato un’altra volta contro l’Atp, secondo lui più interessata a fare soldi che a curare l’interesse degli atleti.

Il loro unico obiettivo è avere i conti a posto. Le opinioni dei giocatori non sono una loro priorità. È una vergogna perché l’Atp dovrebbe avere come obiettivo primario la cura degli interessi dei giocatori. A Miami siamo in una bolla. Al torneo Atp di Rotterdam lo eravamo e non potevamo avere alcun contatto con l’esterno. Non possiamo andare avanti così”.

Sascha torna a twittare al veleno, ma non deve perdere di vista l’obiettivo. Lo spettro di un’eliminazione ai primi turni come a Rotterdam è dietro l’angolo e cancellerebbe quanto fatto di buono ad Acapulco, col quattordicesimo titolo Atp in carriera.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Attrezzatura, accessori, abbigliamento: tutto ciò che serve per cominciare a giocare a tennis

Share.

Leave A Reply