Agassi su Djokovic: “Non lo stavo aiutando…”

0

Andre Agassi ha rilasciato di recente delle dichiarazioni sul periodo da allenatore di Djokovic, affermando: “Non stavo aiutando Novak”. L’americano era subentrato (con Radek Stepanek) a Marian Vajda nel 2017.

Agassi nel periodo peggiore di Djokovic

Le stagioni 2017 e 2018 sono state, con tutta probabilità, le peggiori nella carriera di Novak Djokovic. Il serbo era vittima di pesanti infortuni al gomito e aveva deciso di allontanarsi dal suo storico allenatore, Marian Vajda, prima del Roland Garros 2017.

Da lì sono subentrati Andre Agassi e Radek Stepanek, che hanno accompagnato Nole al Roland Garros e a Wimbledon. In entrambi i tornei il n. 1 del mondo uscì ai quarti di finale e decise di non tornare in campo per guarire completamente. Nel marzo dell’anno successivo l’addio ai due allenatori per tornare con l’ex Vajda.

In una recente intervista, Andre Agassi è tornato a parlare della parentesi da allenatore del serbo e dei motivi della prematura separazione tra i due.

Secondo me non stavo aiutando Novak, è per questo che ho smesso di allenarlo. Le mie ragioni erano dovute al fatto che credevo che, per il bene del tennis, era necessario che trovasse da solo il meglio di se stesso e lo potesse dare agli altri e alla sua famiglia in particolare. Avevo il desiderio di aiutarlo.

Il mio obiettivo è sempre stato aiutare a migliorare, ma se non ci riesco o in qualche modo interferisco la tua crescita, beh, è meglio che faccia un passo indietro e mi stacchi da te. Allo stesso modo non posso dirti se lo rifarei altre cento volte, credo però di aver fatto la cosa giusta.

Per quello che posso dire, ci trovavamo troppo spesso in disaccordo, ma naturalmente in un rapporto ci sta esserlo”.


Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

>>> Guida: Le migliori 10 racchette del 2021, per ogni livello ed età

Share.

Leave A Reply