Piatti perentorio: Sinner predestinato? Vi dico come stanno le cose

1

Riccardo Piatti, coach di Jannik Sinner, ha rilasciato un’interessante intervista a Sky Sport in cui ha parlato del suo assistito. Il super allenatore ha voluto puntualizzare un concetto, affermando che Sinner è più di un predestinato.

La parola di Piatti

Riccardo Piatti ha voluto raccontare il successo di Sinner a Sofia e l’ha fatto puntualizzando un concetto. Il talento italiano è molto più di un predestinato.

Spero che Jannik si qualifichi per Torino, lui è un esempio per i ragazzi del futuro.

Io mi arrabbio quando dicono che è un predestinato perché lui sì è un predestinato, ma al lavoro. Lui è forse il tennista che si allena meglio tra tutti quelli che ho allenato, ha capacità lavorative incredibili e questo rende tutto più facile.

A Sofia è andato con il preparatore fisico e con Christian Brandi per la parte tecnica ed ogni giorno giocava 30-45 minuti sui colpi che deve migliorare come servizio e volée: è un predestinato al lavoro e quindi credo che facendo così è un esempio di sacrificio per tutti i giovani”.

Parole importanti, che raccontano quanto lavoro c’è dietro il processo di crescita di cui sentiamo parlare tutti i giorni. In fondo, non si arriva solo con il talento al numero 14 del mondo e ad un passo dalle Finals.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

1 commento

  1. Nessuna predestinazione, solo duro allenamento, se avesse fatto sci o pallone, sarebbe stato un campione lo stesso.

Leave A Reply