Padel, il numero uno del mondo Lebron sul movimento italiano: “Pazzesco!”

0

Juan Lebron, numero 1 indiscusso del World Padel Tour, è stato ospite a Milano di un evento promosso da uno dei suoi sponsor, Fisiocrem. Molti appassionati ne hanno approfittato per vederlo all’opera al Padel Club Tolcinasco. Tra i presenti, gli ex calciatori Beppe Bergomi, Esteban Cambiasso e Mark Iuliano.

L’intervista a Juan Lebron

Scambi con fan, sorrisi e moltissime foto: questa è stata la bella giornata del ventiseienne Juan Lebron, numero 1 del World Padel Tour, a Milano. Un inviato de La Gazzetta dello Sport era presente all’evento e ha fatto un’intervista al campione. Ne riportiamo alcuni stralci.

Tre consigli dal numero 1 al mondo a chi si avvicina a questo gioco?

Voglia di imparare, voglia di divertirsi e quel famoso compañerismo: questo è uno degli sport che rende più felici le persone che lo praticano”.

Come vede dall’esterno il movimento italiano?

Il padel qui in Italia sta crescendo a un livello incredibile: non ve ne accorgete neanche voi, forse, ma è tutto pazzesco. Continuando così in un paio di anni i campi diventeranno mille soltanto a Milano! Ormai non si torna più indietro, questa onda di passione verrà sfruttata da tanti Paesi che avranno loro giocatori rappresentativi al top: ovviamente, l’Italia sarà in prima fila e insidierà la scuola spagnola e quella argentina”.

>>> Guida: Le 5 migliori racchette per giocare a Padel

Qual è il segreto per costruire anche qui giocatori di alto livello nel World Padel Tour?

Passare a 18 anni dal tennis al padel è una cosa, iniziare da bambini un’altra… Finora, per ovvi motivi, i giocatori italiani erano del primo tipo, ma col tempo arriveranno dei ‘nativi’ del padel e saranno loro a segnare la nuova epoca. Il segreto per me è proprio costruire scuole e strutture per insegnare il padel sin da piccoli: questo è un chip da inserire subito nei bambini”.

La emoziona l’idea di diventare un giorno un atleta olimpico?

Certo che mi emoziona… Questo è un salto necessario per aprire sempre più porte al padel e la Federazione Internazionale diretta da Luigi Carraro lavora da tempo per questo risultato. Ce la faremo, il giorno in cui il padel sarà una disciplina olimpica arriverà tra poco. E non sarà uno sport temporaneo ai Giochi: resterà a lungo, farà la storia. E noi tutti ci divertiremo, sperando di portare un oro alla Spagna”.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

Leave A Reply