Entrate stellari, viaggi e spese fisse: i guadagni dei super-tennisti spiegati da Medvedev

0

Daniil Medvedev, ultimo vincitore degli US Open, in un’intervista con TinkOff Investments, ha parlato dei guadagni dei tennisti. Il russo ha fatto un’ottima disamina, parlando delle variabili e delle spese fisse da sostenere durante l’anno.

A volte faraoni, a volte umani

Daniil Medvedev è stato il secondo giocatore a guadagnare di più nei tornei di questa stagione. Il russo si è portato a casa $7.48 milioni (Novak Djokovic è in testa con $9.1), di cui $2.5 solo grazie alla vittoria degli US Open. Daniil ha voluto approfondire l’argomento in una recente intervista, parlando delle variabili che ci sono nei guadagni dei tennisti e delle spese che devono sostenere per mantenersi.

Per essere completamente onesti, in un mese puoi anche guadagnare $3 milioni. Questo succede quando, per esempio, vinci uno slam. Ci sono altri periodi, però, che non raggiungi i $50.000 e le spese sono sempre fisse.

Una certa quantità di denaro è usata sempre per mantenere la propria squadra. C’è un allenatore, un preparatore atletico, alle volte dei dottori e fisioterapisti. Tutto questo è abbastanza caro perché ci sono da pagare i biglietti aerei e gli alloggi, per esempio. Oltre a ciò, loro guadagnano un salario fisso e una percentuale dei montepremi conquistati.

In teoria si può viaggiare anche senza coach e senza una squadra alle proprie spalle, ma così non si otterranno i risultati sperati”.

I più ricchi di sempre

La classifica dei giocatori che hanno guadagnato di più in carriera dai tornei vede in testa Novak Djokovic con $154.756.726. A seguirlo Roger Federer con $130.594.339. In questa speciale classifica Medvedev siede al diciottesimo posto con $21.611.856.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply