Il più forte tra Sinner e Alcaraz? L’analisi di Diego Nargiso

0

Diego Nargiso ha fatto la sua analisi su chi sia il più forte tra i due giovani più forti del circuito Atp, Jannik Sinner e Carlos Alcaraz.

Il dritto di Jannik viene da una storia più complicata rispetto al dritto di Alcaraz, all’inizio era il fondamentale meno forte tra i due, un colpo che l’altoatesino ha molto migliorato negli ultimi tre anni.

Il dritto di Carlos è esplosivo e imprevedibile, difficile da leggere, fa male da qualsiasi parte del campo lo tiri, sia incrociato che lungolinea. Insomma, nell’arsenale di armi di Alcaraz è un colpo risolutorio, spesso definitivo.

Rovescio? Il rovescio in diagonale di Jannik dimostra una sicurezza micidiale, da lì non lo sposti: ha appoggi sicuri, davvero in pochi riescono a scalfirlo sul lato sinistro. Il rovescio è un colpo devastante, con cui costruisce il gioco e induce all’errore l’avversario.

Alcaraz utilizza di meno questo colpo, preferendo il dritto a sventaglio. È un colpo lineare, con cui riesce a tenere lo scambio e quando sceglie il lungolinea, è più un’arma di preparazione che risolutiva.

Servizio? Carlos è già pronto, adulto. Entrambi fanno viaggiare la palla sopra i 200 km all’ora, però Carlos ha già tutti gli angoli del servizio acquisiti: dalla botta al centro allo slice con palla ad uscire.

Nel momento importante, insomma, il servizio può toglierlo dai guai o regalargli punti. Jannik ha ondeggiato tra foot up e foot back, le due posizioni dei piedi alla partenza del movimento del servizio, assestandosi sulla seconda. Con Piatti ha lavorato moltissimo su questo colpo fondamentale, però lo vedo ancora acerbo“.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!
Share.

Leave A Reply