Indian Wells, Bublik scherza con Murray sull’età. Cosa si sono detti

0

Al secondo turno del master1000 di Indian Wells, Alexander Bublik e Andy Murray hanno dato vita ad una bella partita, terminata 76 63 in favore del kazako. Alla fine dell’incontro, Bublik ha scherzato sull’età dell’ex numero 1 del mondo.

Lo scherzo e la stima

Alexander Bublik è apparso in ottima forma nel match di secondo turno contro Andy Murray. Il kazako è riuscito a imporsi per 76 63 dopo una bella battaglia. È la prima vittoria contro l’ex numero 1 del mondo in tre scontri diretti.

Alla fine della partita, Alexander ha voluto scherzare con lo scozzese sulla sua età durante la stretta di mano finale.

Sono molto fortunato ad avere dieci anni in meno di te”.

Successivamente, a Tennis Channel, Bublik ha spiegato i motivi della battuta e la profonda stima nei confronti di Andy.

Ho detto di essere fortunato ad avere dieci anni in meno di lui perché è la verità. È un giocatore incredibile e il coraggio che ha ancora dopo aver vinto così tanti tornei e aver sopportato così tanti infortuni… È qualcosa di incredibile davvero.

Per i giocatori più giovani è un grande esempio ed è così che lo vedo anche io.

Ci siamo incontrati la prima volta quando avevo 19 anni e lui era numero 1 del mondo. Va beh, ho perso, ma quella volta non conta. A Rotterdam io venivo da una finale e lui ha giocato benissimo. Abbiamo avuto una bella battaglia di un paio d’ore. Qui, il punto di svolta è stato vincere il tiebreak del primo set”.

Al prossimo turno Bublik se la vedrà con l’ex numero 3 del mondo, Grigor Dimitrov.

Per Murray, invece, è arrivata la wildcard per il master1000 di Miami che partirà la prossima settimana. Lo scozzese, due volte vincitore, non partecipa dall’edizione 2016.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply