Indian Wells: vince Nadal, ma lo show (al gran completo) è tutto di Kyrgios

0

A Indian Wells, come ci si poteva aspettare, la partita dei quarti di finale tra Rafael Nadal e Nick Kyrgios è stata un vero e proprio show. Alla fine di tre combattutissimi set è lo spagnolo a spuntarla, ma l’australiano si prende le luci dei riflettori per le parole e i gesti in campo.

La partita

Una partita durissima e spettacolare, una di quelle che non vorremmo finisse mai. Rafael Nadal e Nick Kyrgios hanno regalato grande tennis sul centrale di Indian Wells. Lo spagnolo continua così a vincere in questo 2022 e si porta a 19 vittorie consecutive dall’inizio della stagione.

Dal canto suo, Nick ha sfiorato l’impresa e, come dirà in conferenza stampa, credeva di essere il giocatore che avrebbe potuto frenare la corsa inarrestabile di Rafa.

Questa ha fatto particolarmente male. Onestamente, mi sentivo la persona che avrebbe potuto fermare la striscia vincente. Mi sentivo di giocare bene. Nel primo set credo di aver svolto tutto alla perfezione secondo il piano tattico che avevo. Mi ero seduto con il mio coach, abbiamo fatto una programmazione della partita e tutto andava verso quella direzione.

A due punti dal primo set, sinceramente, non so come sia riuscito a tornare in partita. 54, 30-15, rigiocando quel punto altre dieci volte, beh…”.

La stima per Rafa

Proseguendo con l’intervista, Nick ha deposto l’ascia di guerra nei confronti dello spagnolo e si è lasciato andare ad attestati di stima.

Sì, il nostro rapporto è cambiato. Ognuno stima il gioco dell’altro. L’unica cosa è che credo che le persone pensino che io in campo sia la stessa persona che sono fuori dal campo, ma non è così.

In ogni caso, ci rispettiamo a vicenda, penso che per ora sia il più forte di tutti i tempi. Non ho mai detto nulla di male sul suo gioco, se sentite i commenti che do ogni giorno non sentirete mai nulla contro Rafael Nadal.

Abbiamo avuto uno scambio di battute in passato, ma credo che questo tipo di rivalità facciano bene per lo sport. Sono Nick Kyrgios e sono un rivale di Rafael Nadal. ‘Ma come? Com’è possibile?’ direbbero in molti.  Se non ci fossero state quelle scaramucce, non ci sarebbero state cose da dire. Ho vinto un quarantesimo di quello che ha vinto Rafa, come avremmo potuto essere rivali?

Ora lo rispetto tantissimo, ero un bimbo che li vedeva vincere gli slam, ora ho 26 anni. Li vedevo mentre crescevo. Mi ricordo le palline firmate da Nadal, Djokovic, Federer e Tsonga. Sai cosa significa questo per me?

Mi sento come se stessi aiutando lo sport, sto creando più attenzione ed ognuno che crede che io faccia male al tennis è un idiota. Non hanno proprio idea di chi sia, nessuna”.

Lo show di Nick

Questo succedeva in conferenza stampa, ma in campo Nick ha regalato un altro tipo di show.

Oltre ai colpi spettacolari, infatti, l’australiano si è lasciato andare a polemiche con Bernardo Soares, il giudice di sedia della partita, per non aver calmato la folla. Nick si è ritrovato costretto a farsi giustizia da solo, litigando con alcuni spettatori e commentando l’episodio a fine partita.

Beh, per me non è assolutamente simile all’episodio accaduto a Naomi Osaka, io pensavo di stare a parlare con alcuni dei fisioterapisti, figuratevi. Non mi aspettavo che la folla tifasse per me. Quando giochi contro Rafa lo sai che il 99% tiferà per lui. Non speravo che mi incitassero dopo un punto o robe simili, sia chiaro.

Volevo solo far capire che le persone sono lì in qualità di spettatori. Hai comprato il biglietto per vederci giocare a tennis. Proprio al limite, cerca di non strillare tra prima e seconda, giusto quello. Credo sia un problema di questa generazione, ognuno pensa che la propria opinione sia valida. Quando sei uno spettatore e vedi giocare dei professionisti dovresti stare semplicemente zitto. Non puoi pensare di parlarmi e dirmi cosa devo fare per vincere. Non vinceresti un singolo punto contro Nadal e vorresti insegnarmi a giocare?”.

L’episodio a fine partita

Non sono finite qui le sorprese della partita. Dopo la stretta di mano finale, Nick ha lanciato la propria racchetta e ha rischiato di colpire un raccattapalle come si può vedere dal video in basso.

Se vuoi restare sempre aggiornato su tutto ciò che gravita intorno al mondo del tennis, seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro profilo Instagram, registrati al nostro canale Telegram o iscriviti a Manic Monday, la newsletter settimanale di Tennis Fever. È tutto gratis e… ne vale la pena!

Share.

Leave A Reply