spot_img
spot_img

Rios si racconta: dalla (quasi) scazzottata con Sampras alle ruggini con McEnroe
R

In una recente intervista con la trasmissione cilena Podemos Hablar, l’ex numero 1 del mondo Marcelo Rios ha raccontato degli episodi avvenuti con due ex stelle del circuito a carriera ormai conclusa. Rios ha parlato della quasi scazzottata avuta con Pete Sampras al termine di un’esibizione a Santiago del Cile e delle ruggini con John McEnroe nel tour dei veterani.

Il racconto di Rios

Rios è stato uno dei protagonisti del circuito alla fine degli anni ’90. Un personaggio fuori dagli schemi che, con l’incredibile talento che l’ha contraddistinto, è riuscito ad arrivare al numero 1 del mondo nel 1998 senza vincere un singolo slam in carriera.

Nel 2008, a distanza di dieci anni dallo storico traguardo, si ritrova a disputare un’esibizione con Sampras a Santiago del Cile, per festeggiare l’avvenimento. Il racconto che ne scaturisce è qualcosa a tratti irreale.

Pete Sampras è uno stupido, un tonto. Tennis e poi quasi boxe, per poco non ci siamo presi a pugni. Quando la partita è finita mi chiama per parlare ed è lì che è iniziato il casino. Gli ho detto che per me non era il Sampras di prima ed era solamente uno qualsiasi. Da lì è iniziata la lotta.

Si è arrabbiato perché ha perso. Ho pensato di colpirlo, di prenderlo a pugni, ma qualcuno ci ha fermato. Quello che è successo è che fin dall’inizio ci sono momenti dell’esibizione già prestabiliti: tu vinci il primo set, io il secondo e il terzo ce la giochiamo seriamente. Allora, quando mi chiama nello spogliatoio dice che Sampras non perde e io gli rispondo che non è più Pete Sampras. Gli ho detto di non venirmi a dire che era arrabbiato perché non aveva alcun senso.

L’organizzatore dell’esibizione è arrivato e mi ha fermato, ci ha separati. Sarebbe stato molto bello dargli un pugno in faccia. Immagina: una scazzottata con Sampras, una cosa storica. L’hanno salvato.

Il fatto è che non sono mai andato d’accordo con nessuno nel tour. All’epoca c’erano troppi gringos e non parlavo mai con loro.

Basti pensare a McEnroe, che di fatto mi ha cacciato dal tour dei veterani. Si comportava come se fosse stato il proprietario. Siccome andavo troppo bene, mi diceva che ero troppo giovane per giocare e che sarei dovuto andare via. Stavo prendendo tutti a calci nel sedere e non mi apprezzavano per quello. Non gli parlo molto quando lo vedo, non abbiamo nulla da dirci. Non è che non mi piaccia, ma odio quando in televisione deve rimarcare il fatto che non ho mai vinto uno slam”.

6 Commenti

  1. I must express my admiration for your kindness in support of people who require assistance with this issue. Your personal commitment to passing the message all around was astonishingly useful and has helped associates just like me to get to their goals. Your new helpful suggestions entails so much to me and extremely more to my colleagues. Thanks a lot; from each one of us.

  2. Amazing blog! Do you have any tips for aspiring writers? I’m hoping to start my own blog soon but I’m a little lost on everything. Would you suggest starting with a free platform like WordPress or go for a paid option? There are so many options out there that I’m totally confused .. Any suggestions? Cheers!

  3. Once I initially commented I clicked the -Notify me when new comments are added- checkbox and now every time a remark is added I get four emails with the identical comment. Is there any way you’ll be able to take away me from that service? Thanks!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!

Articoli correlati

spot_img